Prova su Strada

Volkswagen Polo 1.0 75 CV 5p., la prova su strada

In occasione del restyling la piccola tedesca guadagna il motore della up!. Silenziosa, comoda ma anche molto cara

pagella

Città
7
/10
Fuori città
7
/10
Autostrada
8
/10
Vita a bordo
6
/10
Prezzo e costi
6
/10
Sicurezza
8
/10
verdetto
7
/10

Il punto di forza della Volkswagen Polo 1.0 75 CV è indubbiamente il comfort: anche nei lunghi viaggi è comoda e silenziosa quasi come la sorella maggiore Golf. Il motore, però, è povero di coppia e nonostante il prezzo alto la dotazione di serie potrebbe essere più ricca.

La Volkswagen Polo è una delle protagoniste di questo decennio: dopo aver vinto il prestigioso riconoscimento di Auto dell’Anno nel 2010 ha surclassato le rivali anche nei rally portando a casa due Mondiali WRC (uno Piloti e uno Costruttori) nel 2013. E, non contenta, sta dominando anche in questa stagione.

In occasione del restyling la piccola di Wolfsburg ha beneficiato di alcuni interventi estetici che hanno riguardato il frontale e gli interni. Ma la novità più rilevante – il motore 1.0 a benzina da 75 CV (lo stesso della sorella minore up!) – si trova sotto il cofano: scopriamo insieme come ha contribuito a migliorare ulteriormente la “segmento B” tedesca.

Città

7
/10

In ambito urbano la Volkswagen Polo si rivela una buona compagna di viaggio: il propulsore, pur essendo aspirato, offre una buona spinta già intorno ai 3.000 giri e nello spunto da fermo si difende bene. La lunghezza inferiore ai quattro metri (3,97, per la precisione), unita ad una discreta visibilità posteriore, è di grande aiuto nei parcheggi: peccato che manchino le protezioni per la carrozzeria.

La taratura morbida delle sospensioni consente di affrontare senza problemi qualsiasi superficie: i dossi non sono mai un problema e anche le buche sull’asfalto vengono assorbite in maniera egregia.

7
/10

Fuori città

Le prestazioni dichiarate della Volkswagen Polo (173 km/h di velocità massima e 14,3 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari) sono buone e trovano conferma nell’uso quotidiano. La carenza di coppia (95 Nm) del motore 1.0 emerge infatti solo quando si cerca la guida sportiva.

Nelle curve la “segmento B” teutonica può vantare un comportamento stradale rassicurante e una buona combinazione sterzo/cambio: il primo reattivo, il secondo ben rapportato e contraddistinto da una leva maneggevole.

Autostrada

8
/10

Se cercate una piccola in grado di cavarsela egregiamente nei lunghi viaggi la Volkswagen Polo può fare al caso vostro: nonostante i tre cilindri è infatti silenziosissima e gli ammortizzatori “soft” non affaticano neanche dopo tanti chilometri.

A 130 km/h regala inoltre una sensazione di stabilità difficile da eguagliare nel segmento e in caso di emergenza i freni sono sempre pronti e potenti. L’autonomia dichiarata è di 882 km ma adottando uno stile di guida (molto) tranquillo si riesce a stare sopra quota 700.

Vita a bordo

6
/10

Esistono rivali più pratiche e versatili della Volkswagen Polo: lo spazio per gli occupanti è nella norma, così come quello per i bagagli (280 litri che diventano 952 quando si abbattono i sedili posteriori).

Le finiture delle zone visibili dell’abitacolo sono eccellenti (un po’ meno curate, invece, le parti più nascoste) e tutti i comandi della plancia sono a portata di mano. Non molto intuitiva l’autoradio.

6
/10

Prezzo e costi

La qualità della Volkswagen Polo 1.0 75 CV Fresh 5p. si paga: il prezzo di 16.300 euro è particolarmente elevato e oltretutto la dotazione di serie – che prevede cerchi in lega da 16”, fendinebbia e poco altro – non è molto generosa. Di soli due anni (il minimo di legge) la garanzia.

In compenso la tenuta del valore è elevata (le Volkswagen sono degli assegni circolari) e i consumi sono bassi: 19,6 km/l dichiarati, oltre 15 rilevati guidando senza schiacciare troppo il pedale dell’acceleratore.

Sicurezza

8
/10

Oltre agli airbag frontali, laterali e a tendina e ai controlli di stabilità e trazione la Volkswagen Polo può vantare altri due accessori interessanti: il sistema anticollisione multipla (che frena automaticamente la vettura dopo il primo impatto per evitare che ne avvengano altri) e quello che rileva la stanchezza del conducente.

Insomma, la piccola tedesca è un’auto molto sicura: stabile nelle curve e con una tenuta di strada mai problematica, frena bene e regala una buona visibilità al guidatore.

Scheda tecnica

Tecnica

Motorebenzina
Cilindrata/disposizione999 cc/3 cilindri in linea
Potenza max/giri55 kW (75 CV) a 6.200 giri
Coppia max/giri95 Nm a 3.000 giri
OmologazioneEuro 6
Cambio/trazionemanuale a 5 marce/anteriore

Capacità

Bagagliaio280/952 litri
Serbatoio45 litri

Prestazioni e consumi

Velocità max173 km/h
Acc. 0-100 km/h14,3 secondi
Consumo urb./extra/misto15,6/22,7/19,6 km/l
Autonomia882 km
Emissioni CO2116 g/km

Costi d'utilizzo

Bollo141,90 euro
Prezzo 16.300 euro
Accessori
Antifurto210 euro
Autoradiodi serie
Cerchi in lega da 16"di serie
Climatizzatore automatico275 euro
Cruise control395 euro
Fendinebbiadi serie
Navigatore satellitare900 euro
Sensori di parcheggio390 euro
Tetto panoramico830 euro
Vernice metallizzata525 euro
Foto

Volkswagen Polo, la storia in foto

Le evoluzioni della "baby-Golf".

Le rivali della Volkswagen Polo

Fiat Punto, la storia della piccola torinese

L’International Punto Meeting 2012, il raduno europeo delle Punto sulle rive del Garda

Ford Fiesta, la storia in foto

Dalla Y alla Ypsilon, la storia delle piccole Lancia

Renault Clio, la storia in foto