Prova su Strada

Volkswagen Sharan: avanti c’è posto

di Valerio Boni -
Volkswagen Sharan vista frontale

pagella

Città
9
/10
Fuori città
10
/10
Autostrada
10
/10
Vita a bordo
11
/10
Tempo libero
10
/10
Sicurezza
9
/10
Prezzo e costi
8
/10
verdetto
9.5
/10

Il salto generazionale nei confronti della precedente Sharan è notevole. Le dimensioni sono più abbondanti, senza che lo stile ne risenta. Anzi, ora le forme sono molto più gradevoli. Inoltre è stata rivoluzionata la possibilità di modificare gli spazi interni, con sedili che assicurano numerose regolazioni e spariscono se non sono necessari. Il tutto è completato da un motore moderno, non potentissimo, ma elastico e con consumi interessanti. In sintesi: è vera VW. Anche nel prezzo.

Sicurezza

Quasi tutto compreso

In materia di sicurezza, tutti gli equipaggiamenti fondamentali sono disponibili di serie già dalla versione di accesso alla gamma. Si pagano a parte, per la seconda fila di sedili, gli airbag laterali (360 euro) e i sensori delle cinture allacciate (53 euro).

Città

Missione parcheggio

Quattro metri e 85 centimetri non sono certo una misura ideale per muoversi in città: tuttavia le sole difficoltà si evidenziano in manovra. I sensori di parcheggio anteriori e posteriori aiutano (575 euro). Meglio il Park Assist che manovra l’auto in automatico (da 850 euro).

Fuori città

È il suo ambiente naturale

Questo è indubbiamente il terreno sul quale la Sharan regala il meglio di sé. Una volta prese le misure con gli ingombri e con la visibilità limitata dai montanti nelle curve strette, ci si sente perfettamente a proprio agio. Una sensazione percepita anche a pieno carico.

Autostrada

Maratona no problem

Una buona insonorizzazione e la presenza di sospensioni confortevoli sono doti perfette se si deve affrontare un lungo viaggio. Meglio con il cruise control inserito (226 euro). Senza dimenticare che con un pieno di gasolio si percorrono oltre 1.000 km.

Vita a bordo

In viaggio nello spazio

In questa voce le stelle di valutazione abbondano, ma non sono regalate. È sufficiente sedersi su uno qualunque dei sedili per rendersene conto. La qualità dei materiali e delle finiture, che da sempre distingue i prodotti Volkswagen, completa il panorama.

Tempo libero

Un posto per ogni cosa

Lo spazio destinato ai bagagli è pensato per adattarsi rapidamente a ogni singola esigenza e i sedili si ripiegano creando un fondo piatto. Le prese per connettere fonti multimediali si pagano: 182 euro per i lettori Mp3 e 204 per quella compatibile con l’iPod.

Sicurezza

Quasi tutto compreso

In materia di sicurezza, tutti gli equipaggiamenti fondamentali sono disponibili di serie già dalla versione di accesso alla gamma. Si pagano a parte, per la seconda fila di sedili, gli airbag laterali (360 euro) e i sensori delle cinture allacciate (53 euro).

Prezzo e costi

Si parte da 30.000 euro

Rispetto al passato, le grandi monovolume sono una rarità, quindi è difficile fare paragoni con le alternative. Per entrare nel mondo Sharan bisogna investire almeno 30.000 euro, che diventano circa 31.000 se si desiderano i sette posti. La garanzia è due anni, di legge.