• pubblicato il 08-05-2015

Barcellona Motor Show: perché dovreste andarci (tutti)

Per alcuni potrà essere un Salone minore. Ma noi crediamo che quello di Barcellone sia un motor show tutto da valorizzare. Perché? Ve lo spieghiamo qui

Ci sono numerosi motivi per fare una visita al Salone dell'Auto di Barcellona, e tutti sono la ragione per cui ci troviamo qui, nella città metropolitana spagnola, a raccontarvi questo salone dell'auto.

Per qualche motivo, però, questo è un salone minore: molto amato dal pubblico, ma poco considerato dai media. Per noi è un errore: vi spieghiamo perché.

Cinque motivi per venire al Salone dell'Automobile Barcellona

Partiamo dalle ragioni per cui dovreste - davvero: dovreste farlo -  visitare il Salone dell'Auto di Barcellona, che per inciso in questa edizione 2015 è decisamente più vivo di quanto non lo fosse due anni fa.

1. Location

Innanzitutto, la location: è difficile farlo capire in foto, ma la sede del Barcellona Motor Show è decisamente suggestiva.

Ci troviamo alla Fiera di Montjuic, a Barcellona: uno spazio espositivo architettonicamente d'effetto, che vi accoglie con uno splendido viale circondato da fontane che fanno da cornice a uno spazio esterno che offre visibilità alle auto in prova.

E poi i padiglioni, ovviamente, che quest'anno hanno offerto un più ricco numero di veicoli in esposizione.

2. Il divertimento

Dai test drive ai corsi di guida sicura, il Barcelona Motor Show - come anche il Bologna Motor Show - puntano i riflettori anche e soprattutto sulle attività che si possono svolgere in loco.

Una concezione diversa di "salone dell'auto", più dinamica, che privilegia la passione dei visitatori per le quattro ruote. Una passione che non può essere solo espositiva.

3. La città

Barcellona è Barcellona.

E' inutile negarlo: Ginevra e Francoforte potranno anche essere la sede preferita per presentare le novità auto, ma la città spagnola ha tutto un altro fascino.

Specie in primavera inoltrata, come le date scelte dal Salone dell'Auto di Barcellona. Temperature primaverili, ma anche la possibilità di andare al mare e divertirsi una volta finite le visite al Salone.

Perché la passione per l'auto ci rende cool, e non l'opposto.

4. La gente

Dimenticatevi gli asettici saloni europei, la rigidità tedesca, la precisione svizzera.

Gli spagnoli sono molto più simili agli italiani di quanto pensiamo, e questo renderà la nostra visita  al Salone dell'Auto di Barcellona ancora più piacevole.

E non dimenticatevi le ragazze: le spagnole sono sempre bellissime, affascinanti, sorridenti. Rifarsi gli occhi non fa mai male. Anche con qualcosa di diverso dalle auto.

5. Le auto, non solo al Salone

L'abbiamo già scritto in un articolo apposito: la passione per le auto, in Spagna, non è legata al solo Salone dell'Automobile.

Se siete fortunati, come quest'anno, il Salone dell'Auto di Barcellona coinciderà con il Gran Premio di Catalunya di Formula 1 (che sarà proprio questo weekend).

Oppure, come due anni fa, con gli X-Games, gli spettacolari "giochi" acrobatici che danno spettacolo in città: un evento da non perdere.

Aiutare gli spagnoli per aiutare noi italiani

Insomma, come potete vedere di motivi per visitare il Salone dell'Auto di Barcellona - per noi che amiamo i motori - ce ne sono parecchi.

Ma ce n'è uno, un po' obliquo forse, che interessa più da vicino noi italiani. Un motivo patriottico, diciamo.

Parliamoci chiaramente: negli ultimi anni il Motor Show di Bologna non ha avuto il successo a cui siamo stati abituati negli ultimi anni. Colpa di una formula, forse, da rinnovare, ma soprattutto dello strapotere di Saloni istituzionali più potenti come quello di Parigi, di Ginevra, di Francoforte.

Saloni che mettono il prodotto - le novità, le anteprime, le concept - al centro della sua formula, ma che forse danno minori soddisfazioni a noi che in auto amiamo salirci, guidarle, sgommare (o frenare).

Ecco, l'augurio è che si possa costruire un'asse italo-spagnola, un'asse automotive che porta al grande pubblico il lato più divertente della passione per le quattro ruote. Novità, sì, ma non solo: soprattutto eventi, spettacoli, attività da svolgere in loco che ci permettano di guidarle, queste benedette auto.

Le date del Salone dell'Auto di Barcellona sono tradizionalmente scoperte: è l'inizio dell'estate, stagione bellissima, mentre l'asse fra Ginevra e Francoforte/Parigi (che - ricordiamolo - si alternano anno dopo anno) si concentra nella stagione autunnale e inizio primaverile.

Lo spazio c'è: per Barcellona, a inizio maggio, e per Bologna a inizio dicembre: un'occasione in più per divertirsi e magari trovare dei punti di contatto, promuovendo una formula nuova per la passione automotive.

Potrebbe funzionare. Ma sta anche a voi, appassionati di auto: dove preferite andare, nella calda Barcellona, o nella fredda Francoforte?

Barcellona Motor Show: perché dovreste andarci (tutti)

L'opinione dei lettori