Smart For-us
  • pubblicato il 09-01-2012

Smart For-us: nuove foto e particolari in attesa della presentazione al NAIAS di Detroit

Il pick-up urbano targato Smart, ormai prossimo all’esordio al Salone di Detroit 2012

Tra i concept che verranno svelati sotto i riflettori del NAIAS, salone di Detroit 2012, la Smart For-us è senz’altro una delle novità più attese. Ne avevamo parlato qualche giorno fa, ma ora, in attesa della presentazione ufficiale, sono state diffuse nella rete nuove immagini del mini pick-up compatto.

Funzionale e pratica

Rispetto alla Smart ForTwo tradizionale, la For-us ha un passo più lungo (2.480 mm, ossia 613 mm in più) e la carreggiata più larga di 50 mm. Le dimensioni sono: 3,547 metri di lunghezza, 1,506 metri di larghezza e 1,70 metri di altezza. Molto corti sono invece gli sbalzi anteriore e posteriore che le danno un aspetto estremamente compatto.

Il pianale elettrico

Piccola fuori, ma comoda e abbastanza spaziosa dentro, dunque. Il particolare più importante che la caratterizza è senza dubbio il pianale, lungo 900 mm che si allunga tramite azionamento elettrico arretrando di 280 mm al di sopra del portellone posteriore che gli lascia spazio scorrendo verso il basso.  

Abitacolo

L’abitacolo è invece caratterizzato da superfici in bianco perla con finiture a contrasto in alluminio spazzolato. Molto particolare lo specchietto retrovisore, sostituito dallo smartphone che si inserisce nell’apposito supporto e proietta le immagini dal posteriore riprese dalla telecamera.  I sedili, dalle forme a guscio, sono rivestiti in materiale morbido e  colorati di giallo.

Motore elettrico

La trazione è affidata ad un propulsore elettrico a magnete da 55 KW e 130 Nm di coppia,  la stessa unità che andrà ad equipaggiare la Smart For Two Elecrtic Drive a partire dalla primavera 2012, che le permette di raggiungere una velocità massima di 120 km/h. La batteria, della capacità di 17,6 kWh, può essere ricaricata dalla presa domestica in circa otto ore.

Smart For-us: nuove foto e particolari in attesa della presentazione al NAIAS di Detroit

L'opinione dei lettori