• pubblicato il 07-11-2016

Ducati Scrambler Desert Sled e Café Racer 2017

di Francesco Irace

Le due nuove varianti dello Scrambler presentate a Eicma 2016

Scrambler per Ducati rappresenta più di un semplice modello. Si tratta di una vera e propria icona, capace nel giro di due anni di registrare un successo pazzesco in termini di mercato.

Per il 2017 la gamma Scrambler cresce e accoglie due nuovi modelli che debuttano a Eicma 2016: Scrambler Café Racer e Scrambler Desert Sled, espressioni diverse di una filosofia comune.

La prima si ispira alle vecchie moto da corsa dei caffé londinesi, la seconda invece alle moto sportive che negli stessi anni negli Stati Uniti si spogliavano delle infrastrutture e si vestivano da endurone. 

Cosa hanno in comune

Entrambe sono spinte dal motore bicilindrico Desmodue da 803 cc da 75 CV a 8.250 giri/minuto ed una coppia di 68 Nm a 5.750 giri/minuto, omologato ora Euro 4, associato a un nuovo comando del gas e a un cambio a sei rapporti.

Sono dotate di un impianto frenante maggiorato, dotato di ABS Bosch 9.1 MP di serie, che prevede: davanti disco da 330 mm, più spesso di 5 mm e accoppiato a una pinza a quattro pistoncini monoblocco Brembo con attacco radiale; dietro un disco da 245 mm con pinza a singolo pistoncino. Entrambe sono ampiamente personalizzabili. 

Ducati Scrambler Desert Sled

La versione “light off-road” della Scrambler ha un telaio rivisto e rinforzato, dotato di piastre laterali forgiate, un nuovo forcellone rinforzato e un reparto sospensioni completamente rivisto: davanti c’è una forcella Kayaba a steli rovesciati regolabile da 200 mm di escursione e dietro un mono, sempre Kayaba, regolabile.

Monta cerchi a raggi (il davanti è da 19’’) con pneumatici Pirelli Scorpion Rally STR nelle misure 120/70 R19 M+S TL davanti e 170/60 R17 M+S TL al posteriore.

Dal punto di vista estetico si differenzia per i paramani, lo scarico omologato per l’enduro, il manubrio e, soprattutto, per la griglia sul faro, il paramotore e la sella è più alta (860 mm). 

Ducati Scrambler Café Racer

La versione Café Racer punta alla sportività e mette in bella mostra semimanubri, tabelle portanumero e sella monoposto. Ma anche cerchi da 17’’ con pneumatici Pirelli Diablo Rosso II (120/70 ZR 17 e 180/55 ZR 17), logo dedicato, scarico Termignoni con terminale sdoppiato, specchietti posti alle estremità del manubrio e nuovi parafanghi.

C’è poi un cupolino molto distintivo, così come la sella monoposto non passa inosservata. 

Ducati Scrambler Desert Sled e Café Racer 2017

L'opinione dei lettori