• pubblicato il 11-09-2013

Citroën al Salone di Francoforte 2013: le novità del Double Chevron

di Marco Coletto

Spazio (Grand C4 Picasso), semplicità (Cactus) e un tocco di sportività

Citroën al Salone di Francoforte 2013 ha dimostrato al mondo di essere un brand poliedrico: durante la rassegna tedesca la Casa del Double Chevron ha infatti lanciato anteprime molto diverse tra loro. Spaziose (Grand C4 Picasso), semplici (Cactus) e sportive: scopriamole insieme.

Citroën Grand C4 Picasso

La Citroën Grand C4 Picasso non è solo la variante a sette posti della C4 Picasso ma una monovolume dotata di una propria personalità. Più lunga di 11 centimetri rispetto alla generazione precedente, ha una gamma motori composta da cinque unità: due 1.6 a benzina da 120 e 156 CV e tre turbodiesel HDi (1.6 da 92 e 115 CV e 2.0 da 150 CV).

Citroën Cactus Concept

La Citroën Cactus Concept punta sulla semplicità - elemento che ha fatto la fortuna del Double Chevron negli scorsi decenni - per conquistare il pubblico. Lunghezza inferiore ai 4,30 metri, abitacolo ampio e un prezzo che dovrebbe essere inferiore a quello della C4.

Citroën Faubourg Addict

Il nuovo ed elegante allestimento Faubourg Addict - proposto sull'intera gamma DS - offre alcune "chicche" rivolte agli amanti dell'esclusività. Tra le tinte spicca una tonalità nera con riflessi viola e non mancano altri elementi tanto vistosi quanto chic come i cerchi in lega con effetto diamantato.

Citroën C-Elysée WTCC

La Citroën C-Elysée WTCC, che dal prossimo anno prenderà parte al Mondiale Turismo, deriva da una compatta a quattro porte che non è in commercio nel nostro Paese. Dotata di un motore 1.6 sovralimentato a benzina, sarà guidata da Sébastien Loeb (nove volte campione iridato rally) e da Yvan Muller (tre volte leader nel WTCC e in procinto di conquistare quest'anno il quarto titolo).

TUTTE LE FOTO DA FRANCOFORTE 2013

Le foto di Francoforte 2013
Le foto di Francoforte 2013
Le foto di Francoforte 2013
Citroën al Salone di Francoforte 2013: le novità del Double Chevron

L'opinione dei lettori