• pubblicato il 12-06-2013

Opel Insignia 2014: le prime foto e i dati ufficiali. Il debutto al Salone di Francoforte

di Junio Gulinelli

Il primo profondo aggiornamento della berlina al vertice della gamma tedesca debutta al Salone di Francoforte 2013.

Sono passati già cinque anni dal lancio della prima Opel Insignia e la firma tedesca ha pronto un profondo aggiornamento della sua berlina di punta.

La nuova Opel Insignia 2014 farà il suo debutto ufficiale a settembre, durante il Salone di Francoforte 2013.

Nuovo look

Il primo aspetto rinnovato della nuova Opel Insignia lo ritroviamo nella parte estetica.

L'anteriore è leggermente differente rispetto a prima con una griglia frontale ridisegnata e nuovi gruppi ottici dotati di fari diurni a LED.

Al posteriore, la barra orizzontale cromata è stata posta in posizione più bassa, si sviluppa fino ai gruppi ottici posteriori e include il logo della marca. Le luci di posizione e gli stop sono a LED su tutti gli allestimenti.

L'abitacolo della nuova Opel Insignia 2014 è stato aggiornato come tutto il resto della berlina, diversi elementi sono stati ridisegnati e il tutto con un preciso obiettivo: offrire un'informazione chiara, semplice e intuitiva.

La console centrale è di nuova fattura, con un numero di pulsanti ridotto e si presenta in color nero.

Motori più efficienti

L'offerta meccanica della Opel Insignia 2014, come sempre, sarà uno dei suoi punti forti, con l'introduzione di nuovi propulsori con i quali la firma tedesca intende offrire versatilità, buone dosi di prestazioni ed efficienza. Insomma, ce n'è per tutti.

I più efficienti

Il più ecologico della gamma è il nuovo 2.0 CDTI nelle versioni da 120 o 140 CV.

Abbinato al cambio manuale a sei marce e associato al sistema Start/Stop, Opel annuncia per questa meccanica rinnovata livelli di emissioni e consumi davvero ottimi: 3,7l/ 100 km (3,9l/100 km nella versione familiare Spotrts Tourer) e emissioni di CO2 di 99g/km.

I Diesel

Gli amanti del Diesel potranno scegliere il 2.0 BiTurbo CDTI da 195 CV e 400 Nm di coppia. Questo è equipaggiato con due turbocompressori sequenziali che garantiscono una grande risposta su un ampio margine di giri, quasi a tutti i regimi.

I benzina

Per chi, invece, preferisce i benzina, la nuova Opel Insignia sfrutterà la tecnologia SIDI (iniezione diretta).

Tra i nuovi motori risalta soprattutto il 1.6 SIDI Turbo da 170 CV, già al debutto sulla Opel Astra. Un po' più su in gamma si posizionerà il nuovo 2.0 SIDI da 250 CV.

Entrambi potranno essere associati al cambio manuale a sei marce (con Start/Stop) o alla trasmissione automatica a sei rapporti.

Di serie, il 1.6 SIDI e il 2.0 SIDI offriranno la trazione anteriore, anche se nel caso del più potente dei due si potrà scegliere la trazione integrale.

Al top di gamma non poteva mancare la versione esterema messa a punto dal dipartimento OPC (Opel Performance Car), ovvero la Opel Insignia OPC da 325 CV.

Anche un GPL

Come alternativa, poi, ci sarà anche la versione della Opel Insignia a GPL, basata sul Turbo benzina 1.4 da 140 CV e che rientrerà nella normativa Euro 6, come tutto il resto dell'offerta meccanica.

Per le versioni quattro e cinque porte della Opel Insignia GPL, la Casa dichiara consumi di 7,6l/100km con emissioni di CO2 pari a 124 g/km (7,9l/100 km e 129g/km per la versione familiare Sports Tourer).

Equipaggiamento moderno

La Opel Insignia 2014 avrà in dotazione novità per il sistema di infotainment. In questo senso il centro focale sarà lo schermo touch screen da otto pollici da cui si potranno controllare la Radio, il sistema Bluetooth, lo smartphone, il sistema di navigazione, oltre a poter utilizzare il controllo vocare per tutte queste funzioni.

Anche la sicurezza e il comfort saranno ben equipaggiati sulla Opel Insignia 2014. Grazie ad un sistema di radar e telecamere sarà possibile usare il Cruise Control adattivo, il sistema di avviso di cambio involontario di careggiata, il sistema di allerta di collisione e il sistema di parcheggio assistito.

Opel Insignia 2014: le prime foto e i dati ufficiali. Il debutto al Salone di Francoforte

L'opinione dei lettori