Francoforte 2013

Le elettriche e ibride al Salone di Francoforte 2013: il lato “green” della kermesse tedesca

Grande spazio alla rassegna tedesca per le vetture elettriche e ad alimentazione mista. Ecco il futuro (prossimo) della mobilità ecosostenibuile, e la reginetta è la BMW i3.

di Junio Gulinelli -
BMW - i3 - Francoforte 2013

C’è un aspetto che quest’anno al Salone di Francoforte non si può fare a meno di notare: la grande attenzione all’ecologia.

Ed è, infatti, proprio la categoria delle auto pulite – elettriche e ibride – (che ormai attraversa praticamente tutti i segmenti dalle super car, alle city car fino alle SUV) una di quelle che ha maggiormente catturato l’attenzione del pubblico della kermesse tedesca.

Molti degli stand propongono soluzioni ad alimentazione mista, o EV a zero emissioni, ma, naturalmente, sono i tedeschi quelli che hanno colpito di più con le loro novità. Nello specifico BMW.

BMW i3, la regina “verde” del Salone di Francoforte 2013

E la regina del Salone di Francoforte 2013, in questo campo, è senza dubbio la nuova BMW i3, l’auto su cui tutti vogliono salire a bordo.

Ci hanno messo un po’ a farla, ma la prima elettrica targata BMW, alla fine, è un’auto veramente ben fatta, magari, si, leggermente in ritardo con i tempi rispetto alla concorrenza, ma rappresenta un’offerta finalmente realistica per chi sceglierà di emettere zero emissioni.

Buona autonomia, prestazioni ok e alta qualità

Tecnologia all’avanguardia e motore elettrico, potente, da 170 cavalli e 250 Nm di coppia, queste sono le sue credenziali meccaniche, non male.

Con un pieno di energia arriva a percorrere fino a 150 km, scatta da 0 a 100 km/h in 7,9 secondi e raggiunge i 150 km/h di velocità massima.

Oltre alla linea estetica, che ben conosciamo, è l’abitacolo che colpisce con il suo arredamento minimal e la scelta più che azzeccata di materiali compositi, ecologici e che trasmettono una sensazione di grande qualità. La BMW i3 costerà poco più di 36.000 euro.

Volkswagen via all’elettrificazione con la e-Up! e la e-Golf

E, neanche a farlo apposta, l’altro grande marchio tedesco, Volkswagen, azzecca perfettamente i tempi e a Francoforte svela le sue due prime elettriche, la city car e-Up! (già vista al Salone di barcellona) e la e-Golf.

E-up! Piccola e pulita

La piccola city car elettrica e-UP! arriverà sul mercato con un consumo di 11.7 kWh/100km, tradotto in autonomia vuol dire percorrere fino a 160 km con una ricarica completa delle batterie.

Nel caso della Wolkswagen e-UP!, il motore elettrico eroga 82 CV di potenza massima con una coppia di 210 Nm.

In quanto a prestazioni raggiunge i 100 km/h da ferma in 12,4 secondi ed arriva fino a 130 km/y di velocità massima.

E-Golf la compatta più venduta in europa ora anche a emissioni zero

La nuova Volkswagen e-Golf, invece, arriva fino a 190 km di autonomia (12,7 kWh/100km) grazie ad accumulatori di energia da 24,2 kWh

La e-Golf è spinta da un motore elettrico capace di erogare fino a 115 CV di potenza con una coppia motrice pari a 270 Nm disponibile da subito. In questo modo la compatta elettrica scatta da 0 a 100 km/h in 10,4 secondi e raggiunge la velocità massima di 140 km/h (autolimitata).

Mercedes, anticipa la Smart ForFour del 2014 per ora si chiama FourJoy

Il marchio della Stella, Mercedes, farà la sua mossa sul campo delle elettriche il prossimo anno, però al Salone diFrancoforte 2013 ha anticipato la futura Smart FourFour (la prima generazione non ebbe gran successo) con la concept FourJoy, una quattro posti a emissioni zero.

Questa elettrica, lunga meno di tre metri e mezzo (3.494 di lunghezza, 1.978 di larghezza e 1.494 di altezza), è alimentata da un motore elettrico da 75 CV. Le batterie sono agli ioni di litio e hanno una capacità di 17 Kwh, ricaricabili in sette ore.

La Smart FourJoy non ha ne tetto ne montanti centrali, ma questi sono dettagli da concept car che forse non ritroveremo sulla versione di serie, staremo a vedere.

Porsche: la super ibrida di Stoccarda, la 918 Spyder

Rispetto alle ibride, invece sembra che quest’anno al Salone di Francoforte le novità che riguardano questo segmento puntino sul lato sportivo delle potenzialità dell’alimentazione mista. E non a caso l’ibrida più spettacolare della rassegna francofortina è una super car, tra le più potenti e performanti di tutti i tempi: la la Porsche 918 Spyder.

La Porsche più potente, pulita (e cara) di sempre

Con questa anteprima mondiale la Casa di Zuffenhausenha conquistato il Salone dell’auto più importante al mondo, in casa naturalmente. La 918 Spyder è la Porsche più potente e performante di sempre e anche la più efficiente con i consumi più bassi della storia del marchio.

A spingerla c’è un V8 da 4,6 litri affiancato da due motori elettrici la cui potenza complessiva ammonta a ben 887 CV.

Le prestazioni? Da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi e 345 km/h di velocità massima. I consumi? Si parla di oltre 30 km con un litro di benzina e l’autonomia in modalità elettrica sarebbe di circa 30 km.

Il prezzo, si, decisamente salato, anzi inavvicinabile visto che si avvicina agli 800.000 euro.

BMW i8, eleganza e sportività in salsa ibrida

Insieme alla i3 la Casa bavarese svela a Francoforte anche la BMW i8. Il sistema ibrido plug-in pensato per questa supercar plug-in si compone innanzitutto di un motore a benzina tre cilindri da 1,5 litri e doppio turbocompressore, in grado di sviluppare una potenza massima di 228 CV e una coppia di 320 Nm.

Ad affiancarlo c’è un motore elettrico in grado di produrre 96 kW di potenza, ovvero 129 CV e 250 Nm. Come già avviene per altre ibride, la forza del motore elettrico viene applicata sull’assale anteriore, mentre quella del motore a combustione al posteriore, creando di fatto una trazione integrale ibrida.

La potenza totale è di 357 CV e 570 Nm. Raggiunge i 250 km/h (limitati) e scatta da 0 a 100 in 4,4 secondi. L’autonomia complessiva arriva fino a 500 km.

Audi: Sport Quattro Concept e A8 Restyling

E non poteva mancare all’appello la Casa dei Quattro Anelli. Audi porta alSalone di Francofortela spettacolare coupé dalle sembianze di unamuscle caramericana, e rigorosamente ibrida, spinta da un motore a benzina da 560 CV abbinato ad un elettrico da 147 CV.

È la Audi Sport Quattro Concept che, a fronte di prestazioni da sueper car (basti pensare ai 302 km/h di velocità massima), i consumi sono più efficienti di quelli di una city car, la Casa dichiara infatti appena 2,5l/km ed emissioni pari a 59g/km.

Ibrida anche la Audi A8 Restyling con la motorizzazione 2.0 con una potenza complessiva di 245 CV.

Toyota Yaris Hybrid-R

Ma anche i giapponesi mostrano i muscoli, ibridi chiaro, sulla insospettabile Yaris, in questo caso Yaris Hybrid-R. Le ruote anteriori di questa concept car ecologica ricevono i 300 CV del motore 1.6 turbo da quattro cilindri e ad iniezione diretta realizzato appositamente daToyota Motorsport GmbH (TMG).

Al posteriore, invece, ognuna delle due ruote riceve indipendentemente la spinta di un motore elettrico (in totale due) da 60 CV, lo stesso utilizzato anche dalla Toyota Yaris Hybrid standard. Nel complesso il sistema ibrido della Yaris Hbrid-R Concept sviluppa una potenza totale di 420 CV.

Le Francesi ibride

E come non nominare le francesi Peugeot e Citroen. Il gruppo PSA sta lavorando al rivoluzionario sistema Hybrid Air, e la Citroen Cacut Concept è il prototipo di crossover compatta che monta questo sistema.

Questo sistema ibrido è stato presentato per la prima volta dal gruppo PSA allo scorso Salone di Ginevra 2013, con la Peugeot 2008 Hybrid Air capace di omologare consumi di appena 2,9l/100km.

La Casa del Leone, invece, presenta la 3008 Hybrid4 (con diesel 2 litri e motore elettrico per l’asse posteriore) e la 208 Hybrid FE (2,1 l/100 km e 49 g/km).

Land Rover: a Francoforte arriva la Range Rover Hybrid

E a pensare all’ambiente a Francoforte c’è anche la Casa inglese Land Rover che presenta la Range Rover Hybrid e Sport Hybrid.

La prima, versione di base,è equipaggiata con il3.0 turbodiesel SDV6 abbinato ad un’unità elettrica. La potenza complessiva è di 340 CV. Le prestazioni: 218 km/h di velocità massima e 6,9 secondi per scattare da 0 a 100 km/h. I consumi ovviamente crollano: 15,6 km/l.

L’autonomia ad emissioni zero è però breve, non si arriva neanche dal benzinaio: 1,6 km viaggiando al massimo a 48 km/h.

LaLand Rover Range Rover Sport Hybridsi differenzia più che altro per le prestazioni superiori: velocità massima di 225 km/h e 6,7 secondi per passare da 0 a 100 km/h.