• pubblicato il 26-08-2015

Nissan Micra n-tec, il debutto a Francoforte

Possiede tutte le caratteristiche del già ricco allestimento Acenta, ma vi aggiunge una serie di upgrade

Al Salone di Francoforte 2015 Nissan svelerà una nuova versione speciale della Micra: l’edizione n-tec. 

Disponibile in tutti i colori della gamma, la nuova Nissan Micra n-tec possiede tutte le caratteristiche del già ricco allestimento Acenta, ma vi aggiunge una serie di upgrade che ne fanno la vettura più elegante ed esclusiva della serie.

Nissan Micra n-tec, più tecnologica

Innanzitutto Micra n-tec adotta le tecnologie utilizzate da Nissan sulle sorelle maggiori. C’è infatti il sistema di navigazione NissanConnect di seconda generazione, la tecnologia premium sviluppata per i crossover Nissan completa di utili app come TripAdvisor e Google Search per essere sempre connessi. Completano il quadro tergicristalli con sensori per la pioggia, fari automatici, climatizzatore automatico, sensori posteriori e sistema di misurazione del parcheggio. 

Novità estetiche

Dal punto di vista estetico spiccano cerchi in lega diamantati da 16”, specchietti e maniglie nell’esclusiva colorazione silver satin, vetri oscurati e finiture cromate sui fendinebbia anteriori. All’interno, invece, troviamo volante sportivo in pelle con impunture blu abbinato a rivestimenti in tessuto blu e nero, rifinito con cuciture blu, consolle centrale con finitura nera lucida e dettagli cromati.

Motorizzazioni

La nuova versione è disponibile con i motori benzina Nissan – il 1.2 l 80 CV (con consumi a partire da 4,3 l/100 km*) e il 1.2 l 98 CV DIG-S (con consumi a partire da 3,7l/100 km*) – entrambi già adeguati alla nuova normativa EURO 6 e che fanno della Nissan Micra n-tec una delle citycar più efficienti in termini di consumi e di rispetto dell'ambiente.

Per il mercato italiano, è disponibile – sugli allestimenti Visia, Comfort e Acenta – anche la propulsione bi-fuel benzina/GPL che si basa sulla motorizzazione 1.2 l 80 CV.

Nissan Micra n-tec, il debutto a Francoforte

L'opinione dei lettori