• pubblicato il 17-02-2014

Volkswagen Scirocco 2014: la nuova generazione

di Junio Gulinelli

La coupé sportiva di Wolfsburg si rinnova al Salone di Ginevra 2014.

La prima Volkswagen Scirocco fu presentata nel  2008 al Salone di Ginevra, diventando, poi, negli anni, una vera icona delle compatte sportive e facendo rivivere un mito degli Anni ’70 e ’80.

Quest’anno, al Salone di Ginevra 2014, Wolfsburg rinnova la gamma presentando, in anteprima mondiale, la nuova Scirocco 2014.

Il design ricalca le linee della Golf GTI con un nuovo frontale più piatto e uno spoiler anteriore nello stesso colore della carrozzeria. Il paraurti ospita gruppi ottici dalla forma triangolare, che incorporano le luci intermittenti, fari antinebbia e luci diurne.

Per quanto riguarda la fanaleria si potrà scegliere tra gli alogeni H7 o bixenon. Al posteriore i fari saranno a LED.

Come soltanto sulle XL1 e Beetle, poi, la Volkswagen Scirocco avrà il logo VW al posteriore, sopra il portellone. I cerchi sono da 18 pollici, o da 19 pollici come optional.

Abitacolo ispirato alla Scirocco originale

All’interno dell’abitacolo la nuova Scirocco adotta elementi ripresi direttamente dalla versione originale di 40 anni fa, come i tre strumenti sopra la console centrale: l’indicatore della temperatura dell’olio, quello della pressione del Turbo e un cronometro.

Di serie la nuova coupé di Wolfsburg avrà in dotazione i sedili e il volante in pelle.

Parco motori rinnovato, fino al 19% più efficienti

La nuova Volkswagen Scirocco potrà contare su una gamma di motori rinnovata al completo: le sei meccaniche a disposizione sono tutte inedite e rientrano nella normativa Euro 6. I quattro motori a benzina Turbo TSI, così come i Diesel, sono tutti più potenti rispetto alla generazione attuale.

Allo stesso tempo tutti sono anche più efficienti: fino ad un 19% meno assetati. Fino alla versione da 220 CV, tutte avranno di serie il sistema Start Stop e di recupero dell’energia. La gamma meccanica parte dai 125 CV fino ad arrivare ai 280 CV della Scirocco R, la top di gamma. Il più efficiente di tutti è il 2.0 TDI da 150 CV che consuma solo 4,1l/100km.

I motori a benzina della Volkswagen Scirocco 2014

1.4 TSI     125 CV (+ 3)     5,4 l/100 km     125 g/km


2.0 TSI     180 CV (+ 20)   6,0 l/100 km     139 g/km


2.0 TSI     220 CV (+ 10)   6,0 l/100 km     139 g/km


2.0 TSI     280 CV (+ 15)   8,0 l/100 km     187 g/km

I motori Diesel della Volkswagen Scirocco 2014

2.0 TDI     150 PS (+ 10)   4,1 l/100 km     107 g/km


2.0 TDI     184 PS (+ 7)     4,3 l/100 km     111 g/km

Prodotta presso gli stabilimenti di Lisbona (portogallo), dopo il debutto alla kermesse ginevrina, arriverà sul mercato europeo ad agosto di quest’anno. Poco dopo sbarcherà anche in Cina, argentina, Turchia, Australia e Corea del Sud.

Breve storia della Scirocco

La prima Volkswagen Scirocco fu lanciata sul mercato nel 1974 e sfruttava la piattaforma della Golf Mk1. Quest’auto fu fabbricata dalla prestigiosa carrozzeria Karmann che realizzò anche la prima generazione della Golf Cabrio. Nel 1983 arrivò la seconda generazione della coupé sportiva di Wolfsburg.

La più potente fu, poi, la Scirocco GTI 16V da 139 CV. Nel 1990 Volkswagen decise di mandare in pensione questa gamma e lanciò la Corrado a sostituirla. Nel 2008 fu recuperata la denominazione Scirocco con quella che è la generazione attuale.

Volkswagen Scirocco 2014: la nuova generazione

L'opinione dei lettori