• pubblicato il 04-03-2014

Jeep Renegade al Salone di Ginevra 2014

di Marco Coletto

La piccola SUV "yankee", prodotta in Italia, promette meraviglie in fuoristrada

Con la Renegade - mostrata al Salone di Ginevra 2014 - la Jeep entra ufficialmente nel segmento delle piccole SUV.

L’ultima proposta della Casa statunitense - che sarà prodotta in Italia, nello stabilimento di Melfi - promette, come le sue sorelle maggiori, prestazioni molto interessanti in fuoristrada.

Sono due i sistemi di trazione integrale disponibili: Jeep Active Drive e Jeep Active Drive Low.

Quest’ultimo, grazie al rapporto finale di riduzione di 20:1 (esclusiva nel segmento), dovrebbe garantire un comportamento in off-road difficile da eguagliare.

Entrambi sono abbinati al dispositivo di gestione della trazione Jeep Selec-Terrain, che dispone di quattro modalità (Auto, Snow, Sand e Mud).

Fuoristrada doc

La variante più “estrema” della Jeep Renegade - chiamata Trailhawk - presenta una quinta configurazione chiamata Rock.

È più alta da terra di 2 cm e offre piastre di protezione e ganci traino anteriori e posteriori di colore rosso e paraurti che permettono di ottenere angoli caratteristici da 4x4 doc (30,5 gradi di attacco, 25,7 gradi di dosso e 34,3 gradi di uscita).

Da non sottovalutare inoltre, il sistema Hill-descent Control (utile per affrontare le discese ripide), la capacità di guado pari a 48 cm e la capacità di traino fino a 1.500 kg.

La gamma motori non è stata ancora comunicata ufficialmente: comprenderà quattro unità a benzina MultiAir (tra cui un 2.4) e due turbodiesel MultiJet II (tra cui un 2.0).

Tra gli optional più interessanti segnaliamo il tetto apribile My Sky con pannelli che possono essere riposti nell’area di carico posteriore.

Le più belle di Ginevra 2014

Jeep Renegade al Salone di Ginevra 2014

L'opinione dei lettori