• pubblicato il 01-03-2016

BMW al Salone di Ginevra 2016

La Casa bavarese punta su varianti esclusive di modelli già esistenti

Lo stand BMW al Salone di Ginevra 2016 punta a conquistare gli automobilisti incontentabili: in occasione della rassegna elvetica la Casa bavarese ha infatti svelato varianti ancora più raffinate di modelli già esistenti come la M760Li XDrive, la i8 Protonic Red Edition e la gamma di accessori M Performance Parts per rendere ancora più cattiva la M2.

BMW M760Li xDrive

BMW M760Li xDrive: una sigla lunga usata per denominare la serie 7 più esagerata di sempre facilmente riassumibile in “quasi M7”. Grazie ad un possente motore 6.6 V12 a doppia sovralimentazione da 600 CV e 800 Nm di coppia abbinato ad un cambio automatico a otto rapporti l’elegante ammiraglia teutonica a passo lungo e trazione integrale vista al Salone di Ginevra 2016 si trasforma in una bestia capace di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi e di raggiungere una velocità massima “limitata” a 305 km/h se si opta per il pacchetto M Driver’s Package.

La versione più sportiva della "berlinona" di Monaco si distingue dalle varianti “normali” per il pacchetto aerodinamico M con prese d’aria maggiorate, per la scritta V12 sui montanti C, per i loghi M laterali, per i cerchi in lega M da 20” e per lo scarico sportivo M con controllo a farfalla e doppi terminali galvanizzati. Dentro troviamo invece il tachimetro con fondo scala a 330 km/h, il battitacco con logo M V12 e il volante in pelle M con tasti multifunzione sulle razze e bilancieri sul retro.

Per gli amanti dell’understatement che non vogliono rinunciare alle prestazioni offerte dalla BMW M760LI xDrive presentata al Salone di Ginevra 2016 è previsto il più sobrio - nonché più chic - pacchetto gratuito Excellence: cerchi meno aggressivi, scarico dal sound più garbato, volante con intarsi in legno e fondo scala a “soli” 260 chilometri orari.

BMW i8 Protonic Red Edition

La versione speciale Protonic Red Edition - mostrata a Ginevra 2016 - della BMW i8 è adatta a chi ritiene troppo “fredda” la supercar ibrida bavarese. Prodotta a partire da luglio e ordinabile solo fino alla fine del 2016, si differenzia dalla variante “standard” per la più vivace tinta rossa usata per la carrozzeria e per alcuni dettagli interni. Da luglio, inoltre, tutte le auto ibride plug-in (ossia ricaricabili attraverso una presa di corrente) del marchio teutonico saranno caratterizzate dalla nuova denominazione iPerformance.

BMW M Performance Parts

La nuova gamma di accessori M Performance Parts vista al Salone di Ginevra 2016 è rivolta a chi possiede la cattivissima BMW M2 ma la vuole ancora più decisa. Nel ricco catalogo troviamo componenti che incrementano l’aerodinamica realizzati in CFRP (materiale sintetico rinforzato con fibra di carbonio), l’assetto regolabile M Performance ribassato di almeno 5 mm e abbassabile di ulteriori 2 cm (nella fase di estensione le sospensioni sono regolabili a 16 livelli differenti, nella fase di compressione a 12) e pastiglie dei freni derivate da quelle usate nelle corse. Senza dimenticare lo scarico con farfalla integrata e terminali con condotto interno perforato che prevedono due modalità di esercizio - Sport per l’uso su strada e Track (dal suono ancora più penetrante) per la pista - regolabili attraverso un telecomando Bluetooth.

Ginevra 2016: tutte le foto

Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
Ginevra 2016: le foto
BMW al Salone di Ginevra 2016

L'opinione dei lettori