• pubblicato il 28-10-2015

Mazda RX-Vision: la sportiva anticonvenzionale del futuro

di Junio Gulinelli

Ritorna il motore Wankel, ecco la sportiva giapponese a trazione posteriore e con tecnologia SKYACTIV-R

La storia del motore Wankel (o rotativo) di Mazda inizia nel 1961.

La Casa giapponese cercava una tecnologia diversa e dal 1967, data in cui venne lanciata la Cosmo Sport, molti modelli adottarono questo tipo di propulsore (Luce Rotary Coupé, RX-2, RX-3, RX7 e,per ultima, la RX-8).

Oggi, in occasione del Salone di Tokyo 2015, il motore rotativo ritorna a vivere, questa volta nel cofano di una inedita concept car che la firma nipponica ha denominato RX-Vision Concept.

La sportiva del futuro, anticonformista

La Mazda RX-Vision mostra la visione che il marchio di Hiroshima ha della sportiva del futuro: un'auto anticonformista, a trazione posteriore ed equipaggiata con un motore rotativo di nuova generazione SKYACTIVE-R collocato in posizione anteriore. Secondo Mazda questa nuova unità migliorerebbe in consumi, emissioni e affidabilità.

KODO Design

Ovviamente alla RX-Vision non poteva mancare l'inconfondibile design KODO: larga, bassa, con sbalzi estremamente corti, un passo di 2,7 metri e un peso ridotto (grazie anche al motore Wankel che pesa meno) sono le caratteristiche che la rendono una perfetta sportiva compatta.

La Mazda RX-Vision misura 4.389 mm in lunghezza, 1.925 mm in larghezza e 1.160 mm in altezza. La livrea verniciata nell'ormai emblematico rosso Mazda e i grandi cerchi da 20 pollici completano il quadro.

Rimarrà solo un esercizio stilistico o la vedremo circolare sulle strade? Questo lo sapremo soltanto nei prossimi mesi...

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Mazda RX-Vision: la sportiva anticonvenzionale del futuro

L'opinione dei lettori