• pubblicato il 10-03-2012

Motodays 2012, campioni e stuntman

Gli show nell'area esterna

Un bagno di folla ha riempito i padiglioni della Fiera di Roma nel terzo giorno del Motodays 2012.

Un'occhiata ai vari stand delle case motociclistiche più prestigiose del settore, poi tutti fuori ad ammirare lo spettacolo offerto dagli stunts.

Tra i più seguiti il tedesco Chris Pfeiffer, che con i suoi quattro titoli mondiali e altrettanti allori europei è il pilota più vittorioso della categoria.

Successo anche per l’esibizione dello stunt italiano Emanuele Freddo e per il Canobbio Trial Show, che hanno offerto veri e propri equilibrismi in sella a moto fuoristrada e quad.

Ancora acrobazie, infine, con lo Swot Gang Stunt Show, lo Stunt Show Quad e l’incredibile freestyle, dove la legge di gravità è stata sfidata con le moto da cross ma anche con le quattro ruote e la Vespa.

Grande successo anche per il settore dell'elettrico, dove Dekra ha permesso a tutti di provare i suoi scooter nella minipista allestita per l'occasione.

Ma come accaduto nei primi due giorni, sono arrivati nuovi ospiti celebri del campionato Superbike e Supersport. Sul palco di Radio Globo si sono alternati: i romani Michel Fabrizio, Davide Giugliano e Ilario Dionisi, ma anche Ayrton Badovini, Niccolò Canepa, Vittorio Iannuzzo e Dino Lombardi.

Presentati dal Gentlemen’s Motor Club di Roma, hanno svelato gli obiettivi sportivi della stagione e si sono prodigati a rispondere alle domande del pubblico.

«La BMW è stata davvero una sorpresa. Non me l’aspettavo così potente - ha dichiarato Michel Fabrizio, che in Australia ha debuttato con i colori della Casa dell’Elica - sono il pilota con il maggior numero di partenze nel mondiale Superbike. Ma proprio allo start devo migliorare e inizierò a farlo già da Imola».

«La Superbike è durissima, vanno tutti molto in fretta e non ti aspetta nessuno - ha invece detto con ironia Davide Giugliano, che ha debuttato quest’anno nella classe regina - mi fa piacere vedere che Motodays cresca di anno in anno: adesso non ha niente da invidiare agli eventi analoghi del Nord Italia”.

«Durante l’inverno abbiamo fatto un ottimo lavoro e quest’anno punto a vincere la classifica dei debuttanti» ha detto invece Niccolò Canepa, che ha alle spalle una stagione in MotoGP ma una sola gara in Superbike.

Motodays 2012, campioni e stuntman

L'opinione dei lettori