• pubblicato il 09-12-2014

Willys AW 380: la nuova supercar italiana al Motor Show di Bologna

di Junio Gulinelli

La Carrozzeria Viotti, insieme a Maggiora, reinterpreta in chiave moderna la mitica Willys Interlagos degli Anni '60

Bisogna cercarla un po', ma al Motor Show 2014, nascosta tra i vari stand, c'è una novità italiana degna di entrare a far parte del club delle supercar: si chiama Willys AW 380 ed è il nuovo prodotto della Carrozzeria Viotti (in collaborazione con la Fabbrica Italiana Automobili Maggiora) nato dalla matita del designer italiano Emanuele Bomboi.

Va chiarito subito che il nome “Willys” è stato utilizzato unicamente per rievocare la storica Willys Interlagos (prima sportiva brasiliana del marchio progenitore di Jeep, su base Alpine, prodotta dal '61 al '66) alla quale chiaramente si ispira anche nelle forme.

Numeri da "Olimpo" delle supercar

Le informazioni rilasciate sulla supercar italiana Willys AW380 non sono moltissime, sappiamo comunque che la carrozzeria è stata realizzata interamente in fibra di carbonio (la cui lavorazione è proprio una delle specialità della casa che l'ha prodotta) ed è spinta da un potentissimo sei cilindri bi-turbo (probabilmente boxer) da 3.800 CC e oltre 600m CV di potenza. La sua provenienza non è stata ufficializzata ma la si può dedurre abbastanza intuitivamente.

I numeri dichiarati dalla Casa sono da vera e propria hyper-car: la Willys AW 380 scende infatti al di sotto della barriera dei 3 secondi nello scatto da 0 a 100 km/h, 2,7 secondi nello specifico, e raggiunge la velocità massima di ben 340 km/h.

In produzione da gennaio 2015

Il comunicato stampa, poi, è stato chiaro: non si tratta di un semplice esercizio di stile, la nuova Willys AW 380 entrerà in produzione, infatti, già da gennaio 2015 e sarà venduta ad un prezzo di circa 380.000 euro. La prima vettura è già stata acquistata dal Gruppo russo Rumos che ne garantirà la commercializzazione nell’area dei Balcani, mentre la Habtoor Motors la distribuirà negli Emirates.

Willys AW 380: la nuova supercar italiana al Motor Show di Bologna

L'opinione dei lettori