• pubblicato il 25-11-2012

Motor Show, la storia: Parte 11 - 2005-2008 - Sempre più globale

di Marco Coletto

Grazie alla nuova organizzazione francese il Salone acquisisce una caratura internazionale

2005

Il Motor Show di Bologna è arrivato alla trentesima edizione e viene riconosciuto ufficialmente come Salone Internazionale dopo l'inserimento nel calendario OICA (Organisation Internationale des Constructeurs d'Automobiles).

140.000 metri quadrati di padiglioni e 80.000 mq di aree esterne, un'anteprima mondiale importante - la Fiat Sedici - e tanti ospiti provenienti dal mondo del motorsport: Valentino Rossi, Marco Melandri, Max Biaggi, Troy Bayliss e Andrea Dovizioso.

Gli amanti delle gare possono godersi numerosi eventi come un trofeo di rally dedicato ai piloti delle due ruote ed esibizioni di motocross freestyle.

2006

Un'edizione in grande stile, praticamente priva di assenze, caratterizzata dalla presenza di ben tredici novità mondiali: tra le più rilevanti segnaliamo la Smart fortwo, la Toyota Auris e la DR dr5.

Per quanto riguarda lo sport i motociclisti si cimentano con le vetture Turismo (Loris Capirossi con una Seat Leon e Marco Melandri al volante di un'Alfa Romeo 156) contro i driver più titolati della categoria: Alex Zanardi (BMW), Jörg e Dirk Müller, Gabriele Tarquini e Nicola Larini. Gli appassionati di F1 possono invece ammirare l'esibizione di Vitantonio Liuzzi e della sua Toro Rosso.

Dopo un anno di assenza dal mondo delle corse Max Biaggi torna a gareggiare nel trofeo Superbike in sella ad una Suzuki contro Randy De Puniet, Carlos Checa e Andrea Dovizioso.

2007

La Promotor International - società che gestisce la rassegna emiliana - viene acquistata dai francesi della GL Events, che organizzano un evento maestoso (oltre un milione di spettatori) privo però di anteprime mondiali di un certo livello: l'unica vera novità è la versione europea della Hyundai i10.

Le aree esterne sono ricche di eventi: esibizioni F1 di Ferrari e Toro Rosso, momenti dedicati alla Ducati e il consueto Memorial Bettega, vinto quest'anno dall'estone Markko Märtin.

2008

La crisi e la concorrenza sempre più forte dell'EICMA di Milano si fanno sentire, ma non ancora molto. Il calo di visitatori non è particolarmente pesante (nell'ordine del -10%) e le anteprime mondiali sono comunque otto, anche se la più importante è la Mazda Mazda3 a cinque porte.

Viene creato lo spazio Innovation Cube, che ospita temi inerenti all'ecologia e all'innovazione tecnologica, l'ospite d'onore è Marco Simoncelli (neocampione del mondo della classe 250) e non mancano le esibizioni di Ferrari (F1) e Citroën (rally).

Motor Show, la storia: Parte 11 - 2005-2008 - Sempre più globale

L'opinione dei lettori