• pubblicato il 10-04-2014

Peugeot Exalt Concept: il prototipo del leone al Salone di Pechino

di Junio Gulinelli

La concept car che anticipa la futura berlina tre volumi 608, in anteprima al Salone di Pechino 2014

Peugeot è pronta a lanciare il suo affondo nel segmento delle grandi berline, e a giudicare dalla nuova Exalt lo farà con un'arma molto affilata.

Ispirata alla Onyx

La concept car Peugeot Exalt, che vedremo debuttare al Salone di Pechino 2014, è una cinque porte a tre volumi lunga 4,7 metri e alta solo 1,31 metri, fortemente ispirata alla Peugeot Onyx e che anticipa le linee della futura Peugeot 608.

Powertrain ibrido da 340 CV

A spingere questa berlina dai tratti molto sportivi c'è un power train ibrido composto dal noto 1.6 THP da 270 CV (lo stesso della Peugeot RCZ-R) affiancato da un propulsore elettrico da 50 kW adagiato sopra l'asse posteriore.

Il totale di 340 CV viene ripartito sui due assi che poggiano su grandi ruote con cerchi da 20 pollici.

Esteriormente la Peugeot Exalt Concept sfoggia una carrozzeria molto appariscente, composta quasi interamente in acciaio grezzo, con il terzo volume rivestito in “tessuto efficiente” ispirato alla pelle di squalo. Questo materiale particolare, oltre alla funzione estetica originale, diminuisce la resistenza aerodinamica grazie alla sua composizione granulata.

Abitacolo: materiali pregiati e linea i-Cockpit

All'interno dell'abitacolo il lavoro più grande è stato dedicato all'insonorizzazione in modo da ottenere una silenziosità massima che permette al guidatore di godersi a pieno l'interior design della vettura.

Questo, come sulle nuove 208 e 308, utilizza la linea i-Cockpit nella quale la strumentazione è collocata in posizione elevata per un comfort migliore e una sicurezza aumentata.

Ma all'interno della Peugeot Exalt sono anche i materiali di altissima qualità a richiamare l'attenzione: pelle al naturale, acciaio grezzo, legno d'ebano tagliato a mano e tessuto made in China.

Peugeot Exalt Concept: il prototipo del leone al Salone di Pechino

L'opinione dei lettori