• pubblicato il 18-11-2014

Shelby GT350: ritorna l'iconica muscle car americana

di Junio Gulinelli

Al Salone di Los Angeles debutta la versione più performante della nuova Mustang. 500 CV e sound ruggente

È la versione più potente della nuova Ford Mustang, si chiama Shelby GT350 (un grande classico) e l'Ovale Blu l'ha svelata ieri negli USA alla vigilia del Salone di Los Angeles 2014, dove debutterà come anteprima mondiale.

L'aspirato più potente mai costruito da Ford

Il vero gioiello di questa Mustang “dopata” si trova tra le ruote anteriori: il nuovo V8 da 5,2 litri da ben 500 CV vanta il titolo di aspirato più potente mai realizzato da Ford.

Anche esteticamente la più performante della gamma Mustang si caratterizza per un frontale tutto nuovo con la calandra più grande, il cofano bombato e nuove prese d'aria.

Il posteriore si distingue dalla Mustang standard solo per i doppi terminali di scarico e l'alettone aerodinamico. Insomma un aspetto più muscoloso e sportivo che mai.

Soluzioni tecniche racing

Anche le soluzioni tecniche sono di prima categoria con impianto frenante ad alte prestazioni firmato Brembo e dotato di dischi da 394 mm di diametro con pinze a 6 pistoncini all'avantreno e da 380 mm con pinze a quattro pistoncini al retrotreno. I cerchi, da 19 pollici, sono avvolti da pneumatici sportivi Michelin Pilo Sport.

L'handling, infine, è stato migliorato, oltre che per gestire bene la cavalleria della nuova Shelby GT350, anche per darle una dinamica superiore. Per questo, per la prima volta su una Ford, debuttano gli ammortizzatori MagneRide a controllo continuo (che ribassano la vettura di 50mm) che si regolano automaticamente nella taratura ogni 10 millisecondi per offrire la risposta più adatta in ogni condizione.

Completamente regolabili, poi, attraverso il Driver Control System anche l'ABS, il controllo di stabilità, la risposta dello sterzo, il controllo della trazione, la mappatura dell'acceleratore e, ciliegina sulla torta, il sound dello scarico.

Shelby GT350: ritorna l'iconica muscle car americana

L'opinione dei lettori