Shelby GT 500 Cabrio - Linea
  • pubblicato il 09-02-2012

Shelby GT500 Convertible: muscoli a cielo aperto

di Junio Gulinelli

La più estrema american car del brand del Cobra ora anche scoperta, presentata al Salone di Chicago

Shelby, quando si parla di american cars, il brand del Cobra è quello che forse sforna i prodotti più belli dalle linee forti, muscolose e scolpite che ipnotizzano solo a guardarle. Quando poi ci si siede dentro a una Shelby non c’è scarica di adrenalina paragonabile… attraverso il sedile, la pedaliera e il volante, l’auto ti trasmette tutta la sua prepotenza e farebbe diventare spavaldo anche il più timido e impacciato dei guidatori.

A cielo scoperto

Al Salone a stelle e strisce di Chicago è stata presentata la versione cabrio della più potente della gamma Shelby, la GT500 Convertible. Un regalo in onore dei venti anni del reparto Ford Special Vehicle Team (SVT).  Diciamolo subito, senza tetto, a cielo scoperto, perde un po’ di virilità ma guadagna un tocco di stile. Dipende dai gusti.

Il motore e le prestazioni

Il propulsore di questo bolide è un poderoso V8 da 5,8 litri (che sostituisce il vecchio 5,4 Litri), realizzato in alluminio, lo stesso della versione Coupé.  La cavalleria a disposizione è di 650 CV con una coppia impressionante di 813 Nm. La velocità massima che può raggiungere è di 250 km/h, ma è limitata elettronicamente visto che meccanicamente è identica alla sorella chiusa che può invece sfogarsi liberamente fino a 320 km/h.

Una pistaiola per uso quotidiano

Per chi poi volesse usarla anche in pista è possibile averla con l’apposito Track Package che comprende radiatori aggiuntivi, differenziale e trasmissione di tipo racing. Ad ogni modo, di serie, la Shelby GT500 Convertible dispone di un sistema elettronico attraverso cui si può regolare l’assetto della vettura rendendola più o meno sportiva.

Shelby GT500 Convertible: muscoli a cielo aperto

L'opinione dei lettori