Midnight Sun Experience

Midnight Sun Experience, verso Ornskoldsvik

Lasciamo Stoccolma e andiamo a Ornskoldsvik, facendo anche un po' di fuoristrada

di Francesco Irace -

La nostra settima tappa del #XC90MidnightSun Experience ci porta da Stoccolma verso un posto facile da scrivere ma difficilissimo da pronunciare: Ornskoldsvik.

Continuando la nostra marcia verso nord ci lasciamo alle spalle le grosse città all’insegna di piccoli centri abitati dove spesso le classiche strade lasciano posto anche a brevi sentieri sterrati dove, nel nostro caso, abbiamo avuto la possibilità di testare le doti off-road della nostra Volvo XC90

La città impronunciabile

Che città è Ornskoldsvik? Banalmente potremmo dire che è una città svedese piuttosto giovane. Nasce come città mercato nel 1842 e diventa città nel 1894. Oggi rappresenta un centro industriale e conta circa 28.000 abitanti.

È frequentata d’inverno dagli appassionati di sci nordico, in quanto attrezzata con il trampolino Paradiskllen; non è un caso che abbia ospitato i Giochi paralimpici invernali e i Campionati mondiali Juniores di sci nordico nel 1980.

È famosa per aver dato i natali a molti professionisti dell’Hockey sul ghiaccio. Finite le banalità potremmo pensare di dare un giudizio personale sulla città, nonostante la brevissima visita.

Prima di arrivarci e prima di leggere qualche informazione in rete, Ornskoldsvik appariva nella nostra mente come un paesino con tipo 3/4 case, un ristorante (dove mangiare malissimo) e un albergo/bettola nel bel centro di un’immensa nazione.

Invece Ornskoldsvik –  impronunciabile – si presenta sì di piccole dimensioni, ma anche carina, ordinata e ben strutturata; l’abbiamo girata anche in bici. Certo, nulla a che vedere con le mete precedenti (Monaco, Berlino, Copenaghen, Goteborg e Stoccolma), ma comunque piacevole.

Come se la cava la Volvo XC90 in Off-Road?

Volvo XC90 non è un’auto per fuoristrada estremo, questo sembra chiaro a tutti. Tuttavia nonostante si presenti come crossover lussuosa di grandi dimensioni, si presta molto bene per il fuoristrada leggero.

Basta selezionare dal Drive Mode la voce Off-Road e la vettura configurerà sospensioni e mappa del motore adattandoli a una guida più efficiente su strada sterrata, tortuosa e/o viscida.

Attraversare piccoli guadi, sentieri di montagna tortuosi è un gioco da ragazzi; non appena viene impostata la modalità Off-Road, grazie alle sospensioni elettroniche la vettura aumenta la sua altezza da terra di un bel po’ di centimetri.

La trazione integrale AWD prevede in condizioni normali il solo funzionamento delle ruote anteriori, con l’attivazione automatica delle ruote posteriori se necessario: insomma, non va azionata manualmente, sarà l’auto a decidere per noi in tempo reale la soluzione migliore in base al tipo di guida e al tipo di asfalto.

Tuttavia non manca a listino un modello disponibile esclusivamente con la trazione anteriore: si tratta del diesel entry level D4 2.0 litri da 190 CV. 

Midnight Sun Experience, verso Ornskoldsvik