Tomas Enge
  • pubblicato il 02-08-2012

Il doping nelle corse automobilistiche: il caso Tomáš Enge

di Marco Coletto

L'ex-pilota ceco di F1, attualmente nel campionato GT1, è stato squalificato per un anno e mezzo

Il doping esiste anche nelle corse automobilistiche e non solo alle Olimpiadi. Tomáš Enge, ex-pilota ceco di F1 attualmente nel campionato GT1, è stato infatti squalificato per 18 mesi per droga.

Secondo il driver est-europeo, già risultato positivo alla marijuana in occasione di un test nel 2002 (in quell'occasione gli fu revocata la Superlicenza FIA per correre nel Circus), i controlli effettuati dopo la prova sul circuito di Navarra lo scorso maggio hanno semplicemente riscontrato sostanze presenti in una medicina da lui utilizzata per risolvere problemi cardiovascolari e per questo motivo ricorrerà in appello contro la decisione della Federazione Internazionale dell'Automobile.

Tomáš Enge, nato l'11 settembre 1976 a LIberec (Repubblica Ceca), inizia la propria carriera a 16 anni partecipando al monomarca cecoslovacco riservato alle Ford Fiesta. Nel 1998 debutta in Formula 3000, nel 2000 ottiene la sua prima vittoria mentre nel 2001 termina la stagione al terzo posto dietro a Mark Webber.

Nello stesso anno prende parte agli ultimi tre GP del Mondiale F1 (Italia, USA e Giappone) al volante della Prost per rimpiazzare il brasiliano Luciano Burti ma non brilla particolarmente (miglior risultato un 12° posto a Monza).

Nel 2002, in concomitanza con un altro terzo posto in Formula 3000, partecipa alla sua prima 24 Ore di Le Mans e l'anno successivo ottiene un successo nella classe GTS con la Ferrari 550 Maranello. Nel 2004 alterna prestazioni tutt'altro che brillanti in Formula 3000 e nel campionato americano IndyCar, dove ottiene i migliori piazzamenti nel 2005 (16° in classifica generale).

Tra il 2006 e il 2008 si cimenta con la nazionale della Repubblica Ceca nel campionato A1 Grand Prix ottenendo come migliori piazzamenti nella graduatoria assoluta due dodicesimi posti nelle prime due stagioni. La situazione migliora nel 2009 (quarto posto assoluto alla 24 Ore di Le Mans con la Lola-Aston Martin).

Il debutto nel campionato GT1 risale al 2010: dopo due stagioni degne di nota al volante della Aston Martin (due volte quarto) affronta l'annata 2012 con la Lamborghini prima di essere costretto ad abbandonare il mondo delle corse per la vicenda doping.

Il doping nelle corse automobilistiche: il caso Tomáš Enge

L'opinione dei lettori