Formula 1

F1 2014 – Niente USA e Brasile per Marussia e Caterham

Il Mondiale perde pezzi: colpa della crisi economica

Il Mondiale F1 2014 perde pezzi: per colpa della crisi economica Marussia e Caterham – entrambe in amministrazione controllata – non prenderanno parte ai prossimi due GP (USA e Brasile) e non è detto che l’avventura di queste due scuderie proseguirà nel 2015.

La Marussia sembra la scuderia più in forma delle due: ha quasi 40 milioni di euro di debiti e ha subito un duro colpo in seguito all’incidente di Jules Bianchi in Giappone ma sta disputando la migliore stagione di sempre (9° posto tra i Costruttori grazie ai due punti conquistati a Monte Carlo proprio dal pilota transalpino) e ha più possibilità di trovare imprenditori interessati a rilevarla.

La Caterham è messa decisamente peggio: in tre stagioni di F1 non ha mai conquistato un punto e difficilmente troverà un compratore interessato ad acquistare un team che nel 2015 non riceverà soldi per i diritti TV (vanno alle prime dieci scuderie, il team malese è 11°).

In seguito al forfait di Marussia e Caterham negli USA e in Brasile correranno quindi solo 18 monoposto. Cambieranno, di conseguenza, anche le qualifiche: non è ancora stato deciso nulla a riguardo ma probabilmente vedremo quattro eliminazioni in Q1 (tre più Sebastian Vettel che ha già annunciato che partirà dal fondo in seguito all’utilizzo del sesto motore) e altre quattro in Q2.


Formula 1

Fernando Alonso: addio alla Ferrari

Dopo numerose indiscrezioni l'ex presidente della Rossa Montezemolo ha confermato la fine del rapporto tra il pilota spagnolo e la Scuderia di Maranello

Il mondo della F1

F1: Lotus con motori Mercedes dal 2015

Mondiale F1 2014 – GP Russia: gli orari TV della gara di Sochi

Mondiale F1 2014 – GP Giappone, la vittoria di Hamilton e il dramma

Sebastian Vettel lascia la Red Bull: andrà in Ferrari?

Mondiale F1 2014 – GP Giappone: gli orari TV della gara di Suzuka