• pubblicato il 12-04-2016

Manor, la piccola scuderia che vuole diventare grande

Il team britannico ha ufficialmente debuttato in F1 solo quest'anno ma ha alle spalle tanta storia

La scuderia Manor ha debuttato ufficialmente in F1 nel Mondiale 2016 ma in realtà il team britannico ha già disputato diverse stagioni nel Circus con altri nomi e può vantare una lunga esperienza nelle categorie minori del motorsport. Scopriamo insieme la sua storia.

Manor F1: la storia

L’avventura della Manor in F1 prende il via nel 2010 quando John Booth, fondatore del team britannico noto per aver lanciato nel Circus - attraverso la Formula Renault e la F3 - due campioni del mondo (Kimi Räikkönen e Lewis Hamilton) e il pilota brasiliano Antônio Pizzonia, decide di fare il salto di qualità e iscriversi nella massima serie del motorsport.

La nuova scuderia prende il nome Virgin (in seguito alla sponsorizzazione da parte del colosso britannico fondato da Richard Branson) e termina la prima stagione in Formula 1 all’ultimo posto nel Mondiale. Nel 2011, in concomitanza con l’ingresso della Marussia nel capitale azionario, la licenza diventa russa e nel 2012 il team prende ufficialmente il nome della Casa automobilistica moscovita.

Il migliore anno in F1 per la Marussia - il 2014 - presenta tante gioie ma anche parecchie sofferenze: Jules Bianchi porta i primi e unici punti al team grazie ad un incredibile 9° posto a Monte Carlo ma in seguito ad un brutto incidente in Giappone nel mese di ottobre entra in coma (morirà nel luglio 2015).

Il team va in amministrazione controllata ma si risolleva grazie all’acquisto da parte dell’uomo d’affari nordirlandese Stephen Fitzpatrick. Nel 2015 torna la licenza inglese grazie alla presenza della Manor ma bisogna aspettare il 2016 per vedere una monoposto di F1 gareggiare ufficialmente nel Circus con questo nome.

La Manor in F1

La Manor entra in F1 come scuderia in veste ufficiale nel Mondiale 2016: la monoposto MRT05 - dotata di un motore Mercedes e di altre componenti (trasmissione e sospensioni) provenienti dalla Williams - viene affidata a due piloti debuttanti. Il tedesco Pascal Wehrlein (campione Formula Masters ADAC 2011 e vincitore del campionato turismo tedesco DTM) inizia a farsi conoscere con un interessante 13° posto in Bahrein mentre l’indonesiano Rio Haryanto sta ottenendo risultati meno convincenti.

Manor, la piccola scuderia che vuole diventare grande

L'opinione dei lettori