• pubblicato il 29-07-2013

Mondiale F1 2013 - Il punto dopo il GP d'Ungheria: finalmente Hamilton

di Marco Coletto

Primo successo stagionale, meritatissimo, per il pilota britannico della Mercedes

Mancava solo una vittoria a Lewis Hamilton per dimostrare di poter ambire al Mondiale F1 2013: l'ha ottenuta al GP d'Ungheria. Un successo meritatissimo per il pilota britannico della Mercedes, a digiuno di successi dal GP degli USA dello scorso anno.

La Ferrari? Non pervenuta. Fernando Alonso è riuscito a strappare un misero quinto posto con una vettura deludente sia in qualifica che in gara (problemi di adattamento con i nuovi pneumatici Pirelli, ma non solo) e si fa sempre più concreta l'ipotesi di un trasferimento del pilota spagnolo in un'altra scuderia. Ora il principale rivale di Sebastian Vettel nella lotta al titolo iridato è Kimi Räikkönen, anche se va detto che il driver finlandese è stato aiutato più dalla strategia che dal talento.

La gara in cinque punti

1) Senza l'ala anteriore rovinata per via di un tentativo di sorpasso ai danni di Button Sebastian Vettel avrebbe vinto a mani basse in Ungheria. Ha conquistato un terzo posto che vale come un primo: solo i veri campioni riescono a salire sul podio e a ottenere punti preziosi anche nelle condizioni peggiori.

2) Lewis Hamilton non si aspettava grandi cose dall'Hungaroring: non aveva avuto modo di provare le nuove gomme nei test di Silverstone e la sua Mercedes non sembrava in forma. Come da noi previsto ha invece ottenuto la pole position. Senza dimenticare il successo che lo riporta in lotta per il Mondiale.

3) Partito decimo, arrivato quarto: Mark Webber ha confermato le sue doti di velocista puro (non a caso ha realizzato il miglior giro, il terzo quest'anno) e sta disputando una stagione decisamente migliore di quella del 2012. Se la Red Bull vincerà il titolo Costruttori molto dipenderà dalla continuità del pilota australiano (sempre a punti tranne in Cina).

4) Una doppia penalizzazione immeritata per Romain Grosjean: prima si è beccato un drive-through per un sorpasso a Massa (che a sua volta non ha subito nessuna sanzione nonostante un contatto con Rosberg) effettuato fuori dalla linea bianca, poi - al termine della gara - altri 20 secondi sono stati aggiunti al suo tempo per una toccata con Button.

5) Avevamo ipotizzato per la Red Bull una buona prestazione senza vittoria e così è stato: due piloti in "top five" (Vettel terzo, Webber quarto) e più punti conquistati rispetto ai team rivali. Fra un mese in Belgio ci sarà una pista favorevole alla scuderia austriaca: doppietta?

I risultati del GP d'Ungheria 2013

Prove libere 1

1 Sebastian Vettel (Red Bull) 1:22.723
2 Mark Webber (Red Bull)  1:22.982
3 Kimi Räikkönen (Lotus)  1:23.010
4 Fernando Alonso (Ferrari)  1:23.099
5 Romain Grosjean (Lotus)  1:23.111

Prove libere 2

1 Sebastian Vettel (Red Bull) 1:21.264
2 Mark Webber (Red Bull)  1:21.308
3 Romain Grosjean (Lotus)  1:21.417
4 Fernando Alonso (Ferrari)  1:21.426
5 Felipe Massa (Ferrari)  1:21.544

Prove libere 3

1 Romain Grosjean (Lotus)  1:20.730
2 Fernando Alonso (Ferrari)  1:20.898
3 Sergio Perez (McLaren)  1:21.052
4 Sebastian Vettel (Red Bull) 1:21.125
5 Felipe Massa (Ferrari)  1:21.151

Qualifiche

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:19.388
2 Sebastian Vettel (Red Bull) 1:19.426
3 Romain Grosjean (Lotus)  1:19.595
4 Nico Rosberg (Mercedes)  1:19.720
5 Fernando Alonso (Ferrari)  1:19.791

Gara

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:42.29.445
2 Kimi Räikkönen (Lotus)  + 10,9 sec
3 Sebastian Vettel (Red Bull) + 12,4 sec
4 Mark Webber (Red Bull)  + 18,0 sec
5 Fernando Alonso (Ferrari) + 31,4 sec

Le classifiche dopo il GP d'Ungheria 2013

Classifica Mondiale Piloti

1 Sebastian Vettel (Red Bull) 172 punti
2 Kimi Räikkönen (Lotus)  134 punti
3 Fernando Alonso (Ferrari)  133 punti
4 Lewis Hamilton (Mercedes) 124 punti
5 Mark Webber (Red Bull)  105 punti

Classifica Mondiale Costruttori

1 Red Bull-Renault   277 punti
2 Mercedes     208 punti
3 Ferrari     194 punti
4 Lotus-Renault    183 punti
5 Force India-Mercedes  59 punti

Mondiale F1 2013 - Il punto dopo il GP d'Ungheria: finalmente Hamilton

L'opinione dei lettori