• pubblicato il 20-11-2014

Mondiale F1 2014 - GP Abu Dhabi, gli orari TV della gara di Yas Marina

L'epilogo del duello Mercedes tra Hamilton e Rosberg: Lewis ha un vantaggio di 17 punti ma in palio ce ne sono ancora 50

Domenica 23 novembre il GP di Abu Dhabi assegnerà il Mondiale F1 2014: Lewis Hamilton ha un vantaggio di 17 punti sul compagno Nico Rosberg ma il vincitore dell’ultima gara stagionale (che vale doppio) ne conquisterà ben 50.

Il circuito di Yas Marina sarà la location di un duello imperdibile tra i piloti Mercedes ma non è questo l’unico motivo di interesse della gara più attesa dell’anno: vedremo infatti la sfida per il terzo posto nel Campionato Costruttori tra Williams (254 punti) e Ferrari (210 punti) e, soprattutto, la lotta tra Sebastian Vettel, Fernando Alonso e Valtteri Bottas (racchiusi in soli tre punti) per la quarta piazza tra i Piloti.

GP Abu Dhabi: cosa aspettarsi

La pista di Yas Marina - sede del GP di Abu Dhabi - è caratterizzata da curve a 90° e da un lungo rettilineo che agevola i sorpassi. Ottenere la pole position non è fondamentale (solo Vettel nel 2010 vinse partendo davanti a tutti), scattare dalla prima fila sì (solo Kimi Räikkönen, nel 2012, riuscì a trionfare dopo il quarto posto nelle qualifiche).

La gara degli Emirati vedrà il ritorno della Caterham (grazie ad una raccolta fondi organizzata tra i tifosi) mentre l’unica buona notizia per la Marussia (che non ha trovato finanziatori) riguarda Jules Bianchi: il pilota francese - vittima di un pauroso incidente a Suzuka - non è più in coma farmacologico, respira autonomamente ed è stato trasportato dal Giappone a Nizza. Le sue condizioni, però rimangono critiche.

Il GP di Abu Dhabi 2014 è destinato ad essere uno dei più significativi degli ultimi anni: sarà infatti l’ultima gara di Vettel in Red Bull, l’ultima corsa in Ferrari di Alonso e - probabilmente - l’ultima avventura in F1 di Jenson Button (anche se molti appassionati sperano in un rinnovo del contratto da parte della McLaren per la stagione 2015). Di seguito troverete il calendario del Gran Premio con gli orari TV su Sky e sulla Rai mentre più avanti sarà la volta del nostro pronostico sulla corsa mediorientale.

F1 2014, Yas Marina, il calendario e gli orari in TV

Venerdì 21 novembre 2014

10:00-11:30 Prove libere 1 (diretta SkySport F1 e RaiSport 2)
14:00-15:30 Prove libere 2 (diretta SkySport F1 e RaiSport 2)

Sabato 22 novembre 2014

11:00-12:00 Prove libere 3 (diretta SkySport F1 e RaiSport 2)
14:00  Qualifiche (diretta SkySport F1 e Rai 2)

Domenica 23 novembre 2014

14:00  Gara (diretta SkySport F1 e Rai 1)

I numeri del GP di Abu Dhabi 2014

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5,554 km
GIRI: 55
RECORD IN PROVA: Sebastian Vettel (Red Bull RB7) - 1’38”481 - 2011
RECORD IN GARA: Sebastian Vettel (Red Bull RB5) - 1’40”279 - 2009
RECORD DISTANZA: Sebastian Vettel (Red Bull RB5) - 1h34’03”414 - 2009

Il pronostico del GP di Abu Dhabi 2014

1° Lewis Hamilton (Mercedes)

Lewis Hamlton ha più possibilità di Rosberg di vincere il Mondiale F1 2014 e secondo noi ci riuscirà: sul circuito di Yas Marina ha sempre terminato le qualifiche in “top 5” e nelle cinque edizioni disputate ha portato a casa due pole, una vittoria e un secondo posto.

Solo un guasto alla sua monoposto potrebbe complicare le cose ma va detto che l’ultimo problema tecnico sulla sua Mercedes si è verificato in Canada lo scorso giugno.

2° Sebastian Vettel (Red Bull)

Sebastian Vettel ama molto Abu Dhabi: due pole position e tre successi in cinque GP sono un palmarès di tutto rispetto per il pilota tedesco.

Non sale sul podio da quasi un mese e mezzo ma a nostro avviso ci riuscirà. Il tracciato degli Emirati valorizza le doti della sua Red Bull: un grande aiuto nella lotta per il quarto posto iridato.

3° Nico Rosberg (Mercedes)

Nico Rosberg ha solo due modi per vincere il Mondiale in modo “pulito” (senza essere cioè ricordato come quello che trionfò solo grazie al doppio punteggio): tagliare il traguardo davanti a tutti e sperare che Hamilton non ottenga un piazzamento migliore del settimo posto o arrivare secondo e confidare in un ritiro del compagno.

Difficilmente, secondo noi, il driver teutonico riuscirà a diventare campione del mondo: nonostante la grande continuità mostrata nel finale di stagione - sei podi (una vittoria e cinque secondi posti) negli ultimi sette GP - non è un fan sfegatato di Abu Dhabi. Qui, infatti, non è mai partito dalla prima fila e può vantare solo un terzo posto conquistato lo scorso anno.

Da tenere d’occhio: Fernando Alonso (Ferrari)

Fernando Alonso non termina un GP nelle prime cinque posizioni ormai da quattro gare (evento mai verificatosi in questo decennio) ma ha tutta l’intenzione di chiudere in bellezza la sua carriera in Ferrari.

Può salire sul podio a Yas Marina come nel 2012 e nel 2013 (due secondi posti)? Impossibile. Più probabile una lotta intensa con Vettel e Bottas contraddistinta da sorpassi al limite.

La squadra da seguire: Mercedes

Sarebbe molto strano vedere una monoposto diversa dalla Mercedes salire sul gradino più alto del podio del GP di Abu Dhabi: la scuderia tedesca ha dominato la stagione e non potrà che chiudere degnamente un'annata che l’ha vista trionfare sui circuiti di tutto il mondo.

Hamilton meriterebbe di vincere il Mondiale anche solo per aver conquistato 10 GP su 18 mentre un successo iridato di Rosberg sarebbe accettato dai tifosi solo nelle condizioni precedentemente citate (vittoria o secondo posto di Nico e débâcle di Lewis). Qualsiasi altro esito minerebbe la credibilità della F1.


Mondiale F1 2014 - GP Abu Dhabi, gli orari TV della gara di Yas Marina

L'opinione dei lettori