• pubblicato il 04-09-2014

Mondiale F1 2014 - GP Italia: gli orari TV

La Ferrari non vince da maggio 2013: Monza sarà la gara della svolta?

Il Mondiale F1 2014 sbarca a Monza per il GP d’Italia. In occasione della tappa più attesa del Circus dagli appassionati del nostro Paese la Ferrari cercherà di fare il possibile per conquistare un successo che manca da oltre un anno (Spagna, maggio 2013).

Come riuscirci? Approfittando del duello interno in Mercedes tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton e di una pioggia che dovrebbe cadere copiosa durante le qualifiche. Senza dimenticare il supporto dei tifosi della Rossa, sempre presenti in gran numero sul tracciato lombardo.

GP Italia: cosa aspettarsi

Il circuito di Monza - caratterizzato da lunghi rettilinei - premia le monoposto veloci: teoricamente, quindi, sono avvantaggiate le vetture dotate di motori Mercedes anche se - come abbiamo visto due settimane fa in Belgio - la Red Bull ha dimostrato di cavarsela egregiamente anche su tracciati tutt’altro che lenti.

Quasi sicuramente la protagonista del GP d’Italia 2014 sarà la pioggia: secondo il meteo le qualifiche saranno bagnate e di conseguenza vedremo parecchie sorprese in pista. Sarà fondamentale conquistare la pole position: dal 2003 a oggi solo due piloti (Schumacher nel 2006 e Barrichello nel 2009) hanno trionfato qui senza partire davanti a tutti). Di seguito troverete il calendario della gara con gli orari TV su Sky e sulla Rai mentre più avanti sarà la volta del nostro pronostico sulla corsa.

F1 2014, Monza, il calendario e gli orari TV

Venerdì 5 settembre 2014

10:00-11:30 Prove libere 1 (diretta su SkySport F1 e RaiSport 2)
14:00-15:30 Prove libere 2 (diretta su SkySport F1 e RaiSport 2)

Sabato 6 settembre 2014

11:00-12:00 Prove libere 3 (diretta su SkySport F1 e RaiSport 2)
14:00  Qualifiche (diretta su SkySport F1 e Rai 2)

Domenica 7 settembre 2014

14:00  Gara (diretta su SkySport F1 e Rai 1)

I numeri del GP d’Italia 2014

LUNGHEZZA CIRCUITO: 5,793 km
GIRI: 53
RECORD IN PROVA: Juan Pablo Montoya (Williams FW26) - 1’19”525 - 2004
RECORD IN GARA: Rubens Barrichello (Ferrari F2004) - 1’21”046 - 2004
RECORD DISTANZA: Michael Schumacher (Ferrari F2003-GA) - 1h14’19”838 - 2003

Il pronostico del GP d'Italia 2014

1° Fernando Alonso (Ferrari)

Fernando Alonso vincitore del GP d’Italia è più un sogno (per i tifosi ferraristi) che un pronostico: eppure nei prossimi mesi sarà difficile trovare corse più adatte di questa per salire sul gradino più alto del podio.

Il pilota spagnolo ama molto Monza - due vittorie nel 2007 e nel 2010 e sempre in “top 3” in questo decennio - e se la cava bene sull’asfalto bagnato. Insomma, ci aspettiamo una grande gara da lui.

2° Lewis Hamilton (Mercedes)

Dopo la beffa di Spa Lewis Hamilton farà di tutto per stare davanti al compagno Rosberg e secondo noi ci riuscirà: ha un disperato bisogno di recuperare punti e il tracciato lombardo gli permetterà, a nostro avviso, di avvicinarsi (anche se non troppo) alla vetta del Mondiale.

Alti e bassi per quanto riguarda i precedenti: se è vero che ha debuttato in Italia con un podio nel 2007 e ha trionfato nel 2012 è altrettanto vero che nelle altre cinque gare corse nel nostro Paese non ha mai brillato particolarmente.

3° Nico Rosberg (Mercedes)

Nico Rosberg ha sempre deluso a Monza (miglior piazzamento un quinto posto, mai nelle prime due file in griglia) ma secondo noi, considerando la monoposto che si ritrova quest’anno, conquisterà abbastanza facilmente il podio.

Dopo lo scontro con Hamilton in Belgio si è scusato con il suo compagno, con il suo team e con il pubblico e a nostro avviso correrà a Monza senza esagerare per conservare la vetta del Mondiale.

Da tenere d’occhio: Sebastian Vettel (Red Bull)

Sebastian Vettel è indubbiamente un pilota in crisi: non sale sul podio da tre mesi mentre il compagno Ricciardo ha già portato a casa ben tre successi. Eppure…

Eppure il quattro volte campione del mondo non ha nessuna intenzione di recitare la parte del "bollito", soprattutto su un circuito che lo ha visto trionfare per tre volte (due negli ultimi tre anni). Difficilmente terminerà in “top 3”, facilmente potrà fare bene.

La squadra da seguire: Mercedes

Vincere in Italia, a Monza, nella patria della Ferrari e circondati da tifosi della Rossa. La Mercedes ci è riuscita solo due volte nei lontani anni ’50 con Fangio. La maledizione proseguirà?

Probabile: la scuderia tedesca è a digiuno di successi da un mese e mezzo (un’enormità per una vettura che ha dominato la prima metà del Mondiale) e solo quando avrà chiarito i ruoli tra i suoi due piloti potrà pensare di salire nuovamente sul gradino più alto del podio.

Mondiale F1 2014 - GP Italia: gli orari TV

L'opinione dei lettori