• pubblicato il 03-11-2014

Mondiale F1 2014 - GP USA, sempre più Hamilton

Quinto successo consecutivo (e decimo stagionale) per il pilota britannico della Mercedes: ora l'unico rivale per il titolo è il compagno Rosberg

Il GP degli USA, vinto da Lewis Hamilton su Mercedes, ha regalato due certezze: la prima è che sarà un pilota della Stella (il britannico o il compagno Nico Rosberg, secondo al traguardo) a conquistare il Mondiale F1 2014, la seconda è che il titolo sarà assegnato all’ultima gara (in programma fra tre settimane ad Abu Dhabi) e non alla penultima (domenica prossima) in Brasile.

La corsa è stata dominata dalle monoposto tedesche ma nelle retrovie non sono mancati i sorpassi. La delusione più grande è arrivata da Kimi Räikkönen, solo 12° al traguardo e per la sesta volta (su 17 gare) fuori dalla zona punti. Il tamponamento subito da Sergio Pérez al primo giro (che potrebbe aver danneggiato la vettura del finlandese) non giustifica una prestazione così incolore.

La gara in cinque punti

1) Ancora una volta Lewis Hamilton ha disputato una gara splendida: partito dietro a Rosberg, è riuscito a rimanere in scia al compagno e ha approfittato del momento migliore per piazzare la zampata vincente. A causa dello stupido regolamento del 2014 che assegna il doppio dei punti nell’ultimo GP di Abu Dhabi il pilota britannico potrebbe perdere il Mondiale anche vincendo in Brasile e lasciando a secco il coéquipier teutonico. Semplicemente assurdo.

2) Buona la pole position, meno l’arrendevolezza mostrata in gara. Nico Rosberg si è accontentato per l’ennesima volta (la terza consecutiva, la quinta negli ultimi sei GP) del secondo posto. Non vince una gara dallo scorso luglio eppure, come abbiamo visto in precedenza, può ancora sperare nel titolo visto che i punti che lo separano da Hamilton sono solo 24.

3) La Ferrari è sempre meno competitiva e Fernando Alonso ha fatto quello che ha potuto ma non è bastato per brillare. Il sesto posto significa fuori dalla “top five” per la terza volta consecutiva: un evento che non si verificava dal 2009, ultima stagione del pilota spagnolo con la Renault.

4) Una gara eccezionale per Daniel Ricciardo: il pilota australiano della Red Bull (saldamente in testa al Mondiale dei “non Mercedes”) è riuscito a salire sul podio - terzo - pur partendo dietro le più prestanti Williams dotate dei propulsori della Stella. Ora non è più in corsa per il titolo iridato 2014 ma farà di tutto per essere un protagonista della stagione 2015.

5) Dieci doppiette in un anno per la Mercedes (eguagliato il record della McLaren del 1988), che può oltretutto realizzarne ancora altre due. La Casa della Stella ha monopolizzato la gara e ha ottenuto la matematica certezza che sarà uno dei suoi due piloti a trionfare nel Mondiale: questo significa che da domenica prossima in Brasile ad Hamilton e Rosberg non verranno più dati ordini di scuderia. Ci sarà da divertirsi parecchio…

I risultati del GP degli USA 2014

Prove libere 1

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:39.941
2 Nico Rosberg (Mercedes)  1:40.233
3 Jenson Button (McLaren)  1:40.319
4 Daniil Kvyat (Toro Rosso)  1:40.887
5 Kevin Magnussen (McLaren) 1:40.987

Prove libere 2

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:39.085
2 Nico Rosberg (Mercedes)  1:39.088
3 Fernando Alonso (Ferrari)  1:40.189
4 Daniel Ricciardo (Red Bull) 1:40.390
5 Felipe Massa (Williams)  1:40.457

Prove libere 3

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:37.107
2 Nico Rosberg (Mercedes)  1:37.990
3 Felipe Massa (Williams)  1:38.214
4 Valtteri Bottas (Williams)  1:38.437
5 Fernando Alonso (Ferrari)  1:38.727

Qualifiche

1 Nico Rosberg (Mercedes)  1:36.067
2 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:36.443
3 Valtteri Bottas (Williams)  1:36.906
4 Felipe Massa (Williams)  1:37.205
5 Daniel Ricciardo (Red Bull) 1:37.244

Gara

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1h40:04.785
2 Nico Rosberg (Mercedes) + 4,3 sec
3 Daniel Ricciardo (Red Bull) + 25,5 sec
4 Felipe Massa (Williams)  + 26,9 sec
5 Valtteri Bottas (Williams)  + 30,9 sec

Le classifiche dopo il GP degli USA 2014

Classifica Mondiale Piloti

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 316 punti
2 Nico Rosberg (Mercedes)  292 punti
3 Daniel Ricciardo (Red Bull) 214 punti
4 Valtteri Bottas (Williams)  155 punti
5 Sebastian Vettel (Red Bull) 149 punti

Classifica Mondiale Costruttori

1 MERCEDES    608 PUNTI (CAMPIONE DEL MONDO)
2 Red Bull-Renault   363 punti
3 Williams-Mercedes   238 punti
4 Ferrari     196 punti
5 McLaren-Mercedes   147 punti


Mondiale F1 2014 - GP USA, sempre più Hamilton

L'opinione dei lettori