• pubblicato il 24-09-2013

Jari-Matti Latvala: talento incompiuto

di Marco Coletto

È il pilota più giovane ad aver vinto un rally ma la sua incostanza gli ha sempre impedito di conquistare il Mondiale

Jari-Matti Latvala è un talento incompiuto: il pilota finlandese che cinque anni fa sorprese il mondo diventando il più giovane vincitore di un rally iridato non è ancora riuscito a conquistare un titolo mondiale a causa della sua incostanza. Scopriamo insieme la sua storia.

Jari-Matti Latvala: la biografia

Jari-Matti Latvala nasce il 3 aprile 1985 a Töysä (Finlandia). Figlio del rallista Jari (campione nazionale Gruppo N nel 1994), impara a guidare già all'età di otto anni con una Ford Escort regalatagli dal padre e nel corso dell'adolescenza si mette in mostra ottenendo risultati impressionanti nelle gare minori del suo Paese.

Il debutto nel Mondiale

Il debutto nel Mondiale di Jari-Matti risale al 2002, quando chiude al 17° posto il Rally di Gran Bretagna al volante di una Mitsubishi Lancer. Nel 2003 affronta invece quattro gare (miglior risultato un 10° posto in Grecia e in Gran Bretagna) con una Ford Focus.

Una lunga gavetta

Jari-Matti Latvala partecipa a numerosi rally nel 2004 al volante di ben cinque vetture diverse (Ford Puma, Subaru Impreza, Ford Fiesta, Suzuki Ignis e Mitsubishi Lancer) ma solo in quattro corse su undici riesce a terminare la prova: il miglior risultato è un 21° posto in Francia.

La situazione migliora leggermente l'anno seguente: diminuiscono le vetture (tre: Toyota Corolla, Subaru Impreza e Ford Focus), aumentano gli arrivi al traguardo e i piazzamenti sono più importanti (16° in Svezia, Italia e Francia).

Il Mondiale Produzione e il debutto con Stobart

Il 2006 è l'anno in cui gli addetti ai lavori iniziano a considerare Jari-Matti Latvala: termina al quarto posto il Mondiale Produzione vincendo in Australia e in Nuova Zelanda con una Subaru Impreza, affronta la prova di casa con una Toyota Corolla e prende parte a quattro gare con una Ford Focus del team satellite Stobart chiudendo al 4° posto il Rally di Gran Bretagna.

Campione a tempo pieno

Dopo anni di gavetta Latvala riesce a guadagnarsi un ingaggio per un'intera stagione nel 2007: con la Ford Focus del team Stobart termina all'8° posto in classifica generale, vince la prima prova speciale in Norvegia e ottiene il primo podio in carriera (3° in Irlanda).

Nonostante i suoi risultati siano inferiori rispetto a quelli del compagno Henning Solberg viene promosso come seconda guida nel team ufficiale Ford: Jari-Matti Latvala sulla Focus conquista il primo successo in Svezia e ottiene altri cinque podi, termina al 4° posto in classifica generale ma non riesce a fare meglio della prima guida Mikko Hirvonen.

La situazione rimane praticamente identica nel 2009: non supera il compagno Hirvonen, vince un rally (Italia) e conclude nelle prime tre posizioni in altre tre occasioni.

Vicecampione del mondo

Il migliore anno di Jari-Matti Latvala è senza dubbio il 2010, quando diventa vicecampione del mondo dietro Sébastien Loeb e porta a casa due vittorie (Nuova Zelanda e Finlandia), un secondo posto (Giordania) e tre terzi posti (Svezia, Giappone, Gran Bretagna).

Le ultime stagioni in Ford

Nel 2011 Latvala torna a ricoprire il ruolo di seconda guida Ford ottenendo risultati peggiori di quello del compagno Latvala: 4° posto in classifica e una vittoria in Gran Bretagna. L'anno seguente arrivano invece due successi (Svezia e Gran Bretagna) e un 3° posto finale davanti al coèquipier Petter Solberg (iridato nel 2003).

Il passaggio alla Volkswagen

L'addio della Ford al WRC porta Jari-Matti Latvala in Volkswagen nella stagione 2013: un'annata caratterizzata, come sempre, da prestazioni poco continue. Al volante della Polo, la stessa vettura guidata dal leader iridato Sébastien Ogier, il driver finlandese si trova per il momento al terzo posto in classifica generale con una sola vittoria ottenuta in Grecia e altri tre podi.

Jari-Matti Latvala: talento incompiuto

L'opinione dei lettori