• pubblicato il 15-03-2012

Dovizioso e il motocross, in vista della nuova stagione MotoGP

Una passione parallela da vivere insieme alla MotoGP

Non solo MotoGP. L'altra grande passione di Andrea Dovizioso – quest'anno pilota di punta del team Yamaha Monster Energy Tech3 – è il motocross.

Difatti il pilota romagnolo è solito fare lunghe sessioni di motocross, disciplina che a suo parere è molto importante per affinare la guida e migliorare la sensibilità.

Nelle ultime settimane Dovizioso ha ritirato la sua nuova YZ250F ed ha fatto visita alla sede del team Yamaha MX Monster Energy di proprietà dell'ex Campione del Mondo Michele Rinaldi.

«Sono un grandissimo appassionato di motocross e quando è possibile assisto di persona alle gare del Mondiale – ha dichiarato Dovizioso –. La YZ250F 2012 mi è piaciuta moltissimo fin dalla prima volta in cui sono salito in sella ed in particolare mi ha impressionato il telaio che ti permette di essere sempre molto preciso e garantisce grande stabilità sull’anteriore.

Inoltre non vedo l’ora di poter testare i nuovi componenti del kit YRRD come la nuova testa del cilindro e gli speciali alberi a camme dato che sulle duemmezzo un po’ di potenza in più non guasta mai! La YZ250F per me è perfetta per un allenamento di trenta minuti a ritmo costante.

Adoro i salti, magari non proprio quelli in stile supercross, ma comunque quelli alti, e mi piace molto guidare sulla sabbia anche se su questo terreno così faticoso ancora non riesco ad avere il controllo assoluto della moto».

Il motocross, dunque, gli piace davvero tanto e non è da escludere la possibilità che possa partecipare ad alcune gare.

«Sicuramente tornerò di nuovo. Devo controllare bene il calendario per capire a quali gare potrò partecipare. Ammetto che per me è il massimo correre per Yamaha perché oltre che correre in pista con la MotoGP al tempo stesso posso fare cross con moto di altissimo livello.

Non posso allenarmi quanto vorrei nel cross, ma quando non sono in viaggio per le gare giro almeno una volta a settimana. Effettuo la maggior parte del mio allenamento fisico in palestra, ma il motocross mi aiuta molto.

Guidare una moto da cross è completamente diverso che andare con una stradale e si nota bene la differenza tra i piloti che si allenano in fuoristrada e quelli che non lo fanno.

Questo tipo di allenamento ti rende infatti molto più sensibile quando hai bisogno di far “scivolare” la moto in curva. E comunque più in generale adoro l’intero ambiente, preparare le moto o caricare il furgone e correre con i miei amici».

Dovizioso e il motocross, in vista della nuova stagione MotoGP

L'opinione dei lettori