• pubblicato il 16-09-2012

MotoGP 2012 - Risultati e classifiche dopo il GP di Misano World Circuit Marco Simoncelli

di Francesco Irace

Trionfa Lorenzo, out Pedrosa. Ma la festa la fa Valentino Rossi, secondo alla bandiera a scacchi

Quella di Misano, tredicesimo round della MotoGP 2012, può definirsi la gara della svolta: per Jorge Lorenzo, che stravince e allunga in classifica piloti su uno sfortunato Daniel Pedrosa non pervenuto alla bandiera a scacchi, ma anche per Valentino Rossi che conquista un secondo posto che vale come una vittoria.

La fuga di Lorenzo, ma che sfortuna Pedrosa

Il gradino più alto del podio del Gran Premio di San Marino è dunque del majorchino del team Yamaha, che al termine di una gara disputata in fuga solitaria sin dal primo giro vede crescere i suoi punti fino a quota 270, +38 sul diretto rivale Pedrosa. Non un'infinità, certo, ma quanto basta per tirare un attimo il fiato e pensare alle prossime (ultime) cinque gare con minore pressione.

“Egoisticamente posso dire che non poteva esserci migliore gara per noi – ha dichiarato Lorenzo – ma Pedrosa è stato davvero sfortunato, sono sicuro che avrebbe potuto fare un'ottima gara. Per il mondiale sarebbe stato più bello vederlo lottare con me. Purtroppo queste cose capitano, è successo a me qualche gara fa con Bautista”. Da qui a dire pero' che il Motomondiale sia già finito ce ne passa. Il divario tra i due è sicuramente cresciuto, in maniera anche considerevole e inaspettata, ma sarebbe sbagliato pensare che i giochi siano fatti.

Dani non mollera' e continuerà a lottare fino all'ultima curva del mondiale, sebbene sia difficile accettare che una buona dose di sfortuna gli abbia impedito di dire la sua a Misano e di giocarsi il primo posto come sperava di fare fino a poco prima della partenza: prima un problema al via che lo ha costretto a partire ultimo, poi il tackle in scivolata di Barberà che ha preceduto la scritta “game over”.

È andata così, non c'e' piu' tempo per rammaricarsi. Bisognerà rimboccarsi le maniche e dare il massimo a partire dal prossimo appuntamento, ad Aragon, tra due settimane. “Sono molto dispiaciuto, credo che avrei potuto fare una buona gara – ha commentato Pedrosa –. Adesso il campionato è ancora di più in salita ma lo affronterò con lo stesso spirito, non è ancora finita”.

“Sono sicuro che mi ha aiutato Marco da lassù”

Era difficile aspettarselo qualche giorno fa, eppure a Misano Valentino Rossi con la sua Desmosedici ha trovato il suo miglior piazzamento stagionale: secondo posto (sull'asciutto, che non è da trascurare). Il dottore non è affatto un pugile suonato, come vorrebbe far credere il suo splendido – e come sempre originalissimo – casco. Ha disputato una gara come non lo si vedeva fare da mesi, o forse anni.

Partito alla grande ha difeso il secondo posto dagli inseguitori – complice anche l'assenza di Stoner, Pedrosa e Crutchlow – e alla fine si è fermato a festeggiare con i tanti tifosi accorsi. “Questo secondo posto ha un gran valore per molti aspetti – ha detto Valentino a fine gara –. Sia perchè è arrivato qui a Misano, molto vicino casa mia e poi perchè è il circuito intitolato a Marco. Sono sicuro che mi ha aiutato lui da lassù. Inoltre è stato un grande risultato per tutta la squadra. Dedico questo risultato a Marco e alla sua famiglia”.

Un risultato inatteso, dunque, che ha riacceso le speranze del team Ducati: i progressi registrati grazie al nuovo telaio e la nuova forcella sono davvero importanti e lasciano ben sperare in vista di un finale di stagione che si preannuncia meno scontato e più emozionante di quanto ci si potesse aspettare. La Desmosedici va molto meglio ed il gap con quelli che lottano per il terzo posto si è praticamente annullato.

È vero, Valentino ha già firmato con la Yamaha per il prossimo anno, e non c'è spazio e tempo per eventuali riflessioni o rammarichi, ma poter disputare altre 5 gare contando su una moto più competitiva sarà in ogni caso uno stimolo in più per concludere nel migliore dei modi la sua avventura in Ducati.

Anche sul terzo gradino del podio c'èra un po' di Marco

Sul gradino più basso del podio ci è salito Bautista, del team Gresini: in sella alla stessa moto che guidava Marco Simoncelli. “È sempre bello andare sul podio e poi per me questa è la prima volta in Motogp – ha dichiarato lo spagnolo –. Ma soprattutto questo fine settimana era molto speciale per me, per il Team perché il ricordo di Marco su questo circuito, a lui intitolato, era molto forte. Sono convinto che dal posto dove è adesso ci ha dato una spinta decisiva ed importante. Sentivo la sua mano ed alla fine mi sono accorto che la mia scritta posteriore era staccata quindi lui, oggi, era li con noi”.

Solo quarto, invece, Andrea Dovizioso, apparso in difficoltà con il setting della moto durante la gara. Da registrare un ottimo settimo piazzamento per Nicky Hayden, che correva con una mano fratturata (la destra: freno e gas), e una prova molto positiva di Jonathan Rea (pilota Superbike che sostituisce Stoner), giunto ottavo. Bene anche Michele Pirro, decimo dietro a De Puniet.

Risultati

1 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 42'49.836
2 Valentino ROSSI ITA Ducati Team Ducati   +4.398
3 Alvaro BAUTISTA SPA San Carlo Honda Gresini Honda +6.055
4 Andrea DOVIZIOSO ITA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +6.058
5 Ben SPIES  USA Yamaha Factory Racing Yamaha +7.543
6 Stefan BRADL  GER LCR Honda MotoGP Honda  +13.272
7 Nicky HAYDEN  USA Ducati Team Ducati   +40.907
8 Jonathan REA  GBR Repsol Honda Team Honda  +43.162
9 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART +1'09.627
10 Michele PIRRO  ITA San Carlo Honda Gresini FTR +1'13.605
11 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing Suter +1'16.695
12 Yonny HERNANDEZ COL Avintia Blusens BQR   +1'19.073
13 James ELLISON GBR Paul Bird Motorsport ART  +1'19.408
14 Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda-Suter 1 Giro
15 David SALOM  SPA Avintia Blusens BQR   1 Giro

Classifica piloti

1 Jorge LORENZO Yamaha SPA 270
2 Dani PEDROSA  Honda SPA 232
3 Casey STONER  Honda AUS 186
4 Andrea DOVIZIOSO Yamaha ITA 163
5 Cal CRUTCHLOW Yamaha GBR 122
6 Valentino ROSSI Ducati ITA 120
7 Alvaro BAUTISTA Honda SPA 118
8 Stefan BRADL  Honda GER 115

Classifica Costruttori

1 Honda 287
2 Yamaha 286
3 Ducati 144
4 Art 69
5 Bqr 28

MotoGP 2012 - Risultati e classifiche dopo il GP di Misano World Circuit Marco Simoncelli

L'opinione dei lettori