• pubblicato il 01-05-2014

MotoGP 2014, a Jerez Marquez punta al poker

di Francesco Irace

Lorenzo e Pedrosa potrebbero dargli fastidio: il primo cerca riscatto, il secondo correrà sulla sua pista preferita

La giostra della MotoGP 2014 lascia l’America per spostarsi a Jerez, in Spagna, dove questo weekend andrà in scena il quarto appuntamento della stagione. 

Marquez punta sul poker

"È bello tornare in Europa dopo tre gare disputate in altri continenti”, ha detto Marc Marquez. Ed è comprensibile.

Soprattutto se ci si arriva con un bottino di 75 punti conquistati in tre gare disputate e con una evidente superiorità su tutti. “Pedrosa e Lorenzo vanno molto forte, ma c’è una bella atmosfera, che ti dà una motivazione maggiore”, ha concluso il campione del mondo in carica.

Anche se lui di motivazioni maggiori non ne ha bisogno, perchè ha condotto questa primissima parte del motomondiale in modo impeccabile, imponendo – con allegria e spensieratezza – la sua devastante supremazia.

Ma occhio a Pedrosa e Lorenzo 

Sarà, come sempre, lui l’uomo da battere. Ma per metterlo ko bisognerà che uno tra Pedrosa e Lorenzo – i più accreditati a farlo – tirino fuori l’asso dalla manica: il primo è sempre andato forte a Jerez, tant’è che ha vinto l’ultimo gp nel 2013; il majorchino, invece, dopo aver floppato i primi due appuntamenti della stagione, ha grandi motivazioni e gran voglia di riscatto, soprattutto dopo la spallata della scorsa stagione ricevuta proprio da Marquez all’ultima curva. 

“Lavorerò da subito per puntare in alto a Jerez. È il mio circuito preferito e voglio far bene”, ha detto Pedrosa. Più prudente è stato Lorenzo: “Jerez è una pista positiva per Yamaha, ma non sarà facile, i piloti Honda sono molto in forma. Devo migliorare anche la condizione fisica, oltre alla moto. Il nostro momento arriverà”.

…e a Valentino

Tra i potenziali “disturbatori” andrebbe però inserito anche Valentino Rossi. Per due ragioni: sia per il passo gara che ha mostrato nell’ultimo round della MotoGP e sia perchè sul circuito spagnolo ha trionfato ben 8 volte in carriera. “La pista è fantastica, ci saranno un sacco di fans.

L’obiettivo è quello di salire sul podio. Dobbiamo lavorare per poter competere con le Honda che vanno molto forte”. Le motivazioni, dunque, non mancano. 

MotoGP 2014, a Jerez Marquez punta al poker

L'opinione dei lettori