• pubblicato il 18-03-2014

MotoGP 2014, in Qatar inizia la nuova stagione

di Francesco Irace

Domenica a Losail la gara in notturna che darà il via al motomondiale

Basta farsi un giro sui social network per vedere quanta voglia c’è di Motomondiale. Ebbene, cari amici appassionati di corse e due ruote, l’attesa è finita. Questo fine settimana prenderà il via la MotoGP 2014 a Losail, in Qatar.

Una gara in notturna metterà via il sipario di una stagione che inizia con tante novità e meno certezze di quanto si potesse immaginare. 

Marquez l’uomo da battere

La lotta al mondiale non è affatto scontata, sebbene il talento di Marquez sia sotto gli occhi di tutti. Ma il campione del mondo in carica parte con l’handicap di essersi recentemente rotto la gamba e dunque non è al top della forma fisica.

Di questo potrebbe approfittarne Lorenzo, che sulla carta è forse l’unico a poter lottare con cabroncito per il titolo. Ed è anche il pilota che ha vinto le ultime due edizioni della gara di Losail. Questo, sulla carta. Perchè poi in pista le cose possono cambiare e i pronostici possono essere invertiti. 

Valentino e il feeling migliorato

Così come è cambiato, in meglio, il feeling tra Valentino Rossi e la sua M1. Il nove volte campione del mondo è fiducioso di poter disputare una stagione migliore di quella passata. Ha ancora tanta voglia di correre e di dimostrare il suo valore e farà il possibile per mettere a tacere le tante voci che lo consideravano bollito, finito, alla frutta.

Pedrosa, intanto, è alla finestra e aspetterà il momento giusto per tirar fuori le sue carte vincenti, come tra l’altro ha sempre fatto. E veniamo alle Ducati ufficiali di Dovizioso e Crutchlow, che hanno scelto – non senza scatenare polemiche – di partecipare alla MotoGP 2014 in configurazione Open (centralina unica Marelli, 24 litri di carburante e 12 motori) per poter continuare a lavorare sul motore anche durante la stagione.

Tuttavia Dorna e FIM per non sfavorire le factory e per calmierare gli animi (vedi le proteste di Honda) hanno introdotto la categoria Factory 2 che limiterà i vantaggi delle Open – portando i motori a 9 e i litri di carburante a 22,5 – che otterranno vittorie e podi.