• pubblicato il 04-02-2015

MotoGP 2015, si alza il sipario

di Francesco Irace

Nel primo giorno di test a Sepang Marquez è il più veloce, ma Valentino Rossi va subito forte. Cosa c'è da aspettarsi nella prossima stagione?

La MotoGP 2015 apre il sipario alla nuova stagione con la tre giorni di test a Sepang. Sul circuito malese, Valentino Rossi ha dominato per tutta la durata della giornata, per poi lasciare la vetta a Marquez solo negli ultimi minuti della sessione. 

Valentino Rossi ottimista in vista della MotoGP 2015

Valentino Rossi, che per l’occasione ha sfoggiato un nuovo casco con motivi “invernali”, si è detto molto soddisfatto del lavoro svolto e del punto da cui Yamaha parte in vista di una stagione che si preannuncia scoppiettante: “È un inizio molto positivo e sono soddisfatto di esser tornato in sella alla moto - ha detto Valentino Rossi –.

Sono stato costantemente veloce, sia al mattino, sia nel turno pomeridiano. Abbiamo lavorato tanto per cercare di migliorare il ritmo anche con gomma usata, ma tutto sommato va bene così.

Con la nuova gomma siamo stati capaci di staccare il crono. Alla fine sono secondo dietro Marquez, ma non così lontano. La moto è migliorata in molti aspetti. Abbiamo ancora del lavoro da fare, ma come primo giorno è andata bene".

Sulle Yamaha M1 ufficiali si sono visti nuovi scarichi più corti e con un taglio “a fetta di salame”, che hanno il compito di evitare l’ingresso di detriti (grazie alla griglia che montano) e limitare le fiammate che potrebbero altresì danneggiare alcune componenti della parte posteriore della moto.

Marc Marquez sarà ancora imbattibile?

Marc Marquez ha avuto a disposizione 4 moto da provare e alla fine ha optato per quella che si è rivelato il perfetto mix tra la moto del 2014 e il nuovo prototipo.

Una gomma nuova nel finale gli ha consentito di fermare il cronometro prima di tutti gli altri. Non può che essere ottimista, dunque, Marquez in vista del futuro.

Così come lo sono anche Pedrosa e Lorenzo, le cui prestazioni hanno confermato – almeno per oggi (non dobbiamo trarre conclusioni, sarebbe sbagliato farlo ora) – che forse quest’anno le Honda e le Yamaha non sono poi così distanti dal punto di vista delle prestazioni. 

Ducati intanto migliora. Melandri deluso

Prestazioni che hanno soddisfatto anche il Ducati Team, con Dovizioso e Iannone che hanno registrato importanti progressi rispetto allo scorso anno.

Non è stato invece un “esordio” facile quello di Marco Melandri, che dopo aver scartato subito il nuovo prototipo Aprilia ha girato con la moto vecchia senza però mai riuscire a trovare il feeling atteso.

Di tutt’altra opinione il suo compagno di squadra Bautista, che seppur non completamente soddisfatto (soprattutto del telaio), è apparso ottimista.

MotoGP 2015, cosa aspettarsi? È presto per dirlo…

Cosa c’è da aspettarsi dalla MotoGP 2015? È presto per dirlo, e comunque non saranno certo i test di Sepang (o i prossimi test) a indirizzare il pronostico verso una direzione piuttosto che verso un’altra.

Resta il fatto che Marc Marquez è il campione del mondo e sarà il favorito. Bisognerà semplicemente capire quali sono i passi avanti che hanno fatto con le proprie moto Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, per poter ipotizzare scenari diversi da quello visto nel 2014.

A sensazione, però, pare che il gap tra le parti sia diminuito. Ma si tratta appunto di una sensazione: bisognerà aspettare almeno 3-4 gare per poter iniziare ad avere un’idea più chiara. 

Intanto godiamoci questi test...

MotoGP 2015, si alza il sipario

L'opinione dei lettori