• pubblicato il 05-09-2012

Paralimpiadi Londra 2012 - Medaglia d'oro per Alex Zanardi

di Marco Coletto

Una vittoria sudata e meritata nell'handbike, ottenuta 11 anni dopo l'incidente che lo ha privato delle gambe

La medaglia d'oro ottenuta da Alex Zanardi alle Paralimpiadi di Londra 2012 (categoria cronometro H4 handbike, una specie di triciclo mosso dalle braccia) è l'ennesima conferma delle doti fisiche e umane dell'ex-pilota bolognese.

45 anni, un passato non proprio brillante in F1 (20° posto nel Mondiale 1993 con la Lotus come miglior piazzamento) e una carriera eccezionale nelle corse americane (due titoli CART nel 1997 e nel 1998) bruscamente interrotta il 15 settembre 2001, quando subisce l'amputazione di entrambe le gambe dopo un gravissimo incidente sul circuito tedesco del Lausitzring.

Da quel momento in poi Zanardi ha dimostrato al mondo che i limiti non esistono, che chiunque può raggiungere qualsiasi traguardo impegnandosi al massimo. Ad esempio nel 2005, al debutto nel Mondiale Turismo WTCC, conquista il 10° posto nella classifica generale al volante di una BMW 320i adattata e nell'arco di cinque stagioni porta a casa ben quattro successi.

Le sue vittorie non si limitano soltanto alla pista: nel 2007 inizia l'avventura con le handbike terminando al quarto posto la Maratona di New York, nel 2010 diventa addirittura campione italiano, nel 2011 vince la prova nella Grande Mela e ottiene l'argento ai Mondiali e a marzo 2012 si aggiudica la maratona di Roma.

Senza dimenticare la sua fortunata esperienza come conduttore televisivo su Rai Tre con il programma di divulgazione scientifica E se domani del 2010, che ottiene buoni risultati di critica e di pubblico.

Ancora non sappiamo quali saranno i prossimi progetti di Alex, probabilmente dopo la prova in linea di dopodomani terminerà con le handbike. Qualunque cosa deciderà di fare (e qualsiasi sia l'esito finale), comunque, saremo sempre con lui: i patrimoni nazionali vanno salvaguardati.

Paralimpiadi Londra 2012 - Medaglia d'oro per Alex Zanardi

L'opinione dei lettori