• pubblicato il 17-09-2013

Thierry Neuville: il nuovo fenomeno del rally

di Marco Coletto

Storia del pilota belga della Ford, l'unico che può ancora (teoricamente) soffiare il Mondiale WRC a Ogier

Thierry Neuville è la rivelazione del WRC 2013: il giovane (25 anni) talento belga della Ford alla sua seconda stagione completa nel Mondiale Rally si è rivelato l'unico in grado di tener testa a Sébastien Ogier. Scopriamo insieme la sua storia.

Thierry Neuville: la biografia

Thierry Neuville nasce il 16 giugno 1988 a St. Vith (Belgio). Dopo alcune esperienze nel suo Paese natale affronta la prova di casa nella serie IRC al volante di una Peugeot 207 e debutta nel Mondiale in Spagna con una Citroën C2 ritirandosi in entrambe le gare.

L'anno successivo continua a dividersi tra i due campionati: nell'IRC termina al nono posto assoluto mentre nel WRC arriva 12° in Bulgaria e chiude al 7° posto il Mondiale Junior.

Nel 2011 Thierry Neuville inizia a farsi notare nell'ambiente: chiude infatti quinto assoluto la serie IRC con due successi al Tour de Corse e al Sanremo ottenuti con una Peugeot 207.

L'avventura in Citroën

Neuville si trasferisce nel Junior Team della Citroën nel 2012 e si rivela il terzo miglior pilota della Casa francese dopo i titolari Sébastien Loeb e Mikko Hirvonen: termina il Mondiale al 7° posto e ottiene come miglior piazzamento un 4° posto in Francia.

Il trasferimento in Ford

Nonostante gli ottimi risultati ottenuti la Citroën non crede in Thierry Neuville: il driver belga si ritrova così costretto ad accettare l'offerta del Qatar World Rally Team, squadra che gestisce le Ford Fiesta. Al volante della piccola dell'Ovale Blu Thierry si esalta: porta a casa (fino a questo momento) quattro secondi posti consecutivi (Italia, Finlandia, Germania e Australia) ed è l'unico ancora in corsa per il titolo iridato.

Thierry Neuville: il nuovo fenomeno del rally

L'opinione dei lettori