• pubblicato il 03-02-2013

Superbike 2013: Max Biaggi sarà commentatore tecnico

di Francesco Irace

Il campione del mondo in carica affiancherà Giulio Rangheri a Mediaset

Era già nell'aria da diversi giorni ma solo ieri è arrivata l'ufficialità: Max Biaggi affiancherà Giulio Rangheri nella veste di commentatore tecnico della Superbike 2013, trasmessa a partire da quest'anno dalle reti Mediaset.

Il campione in carica del mondiale riservato alle derivate di serie, che aveva un po' a sorpresa annunciato il suo ritiro dal mondo delle corse, ha deciso così di continuare il suo consueto tour stagionale tra i circuiti; ma non come collaudatore o come team manager – come qualcuno vociferava – bensì come voce esperta da affiancare alla telecronaca.

L'annuncio sul sito di Sport Mediaset

Ecco quanto apparso sul sito sportmediaset.it: “Colpo di Sport Mediaset per il prossimo Mondiale Superbike. La squadra motori, infatti, si arricchisce di un nome che ha fatto la storia del motociclismo italiano e non solo: Max Biaggi.

Il sei volte iridato e campione in carica delle derivate di serie sarà il commentatore tecnico delle gare che verranno trasmesse da questa stagione in esclusiva su Italia 1 e Italia 2. Il campionato Sbk debutterà il 24 febbraio con il Gran Premio d'Australia, prima tappa di una competizione che a fine stagione designerà proprio il successore di Max Biaggi.

Con l'esclusiva assoluta del Motomondiale e quella della Superbike, Mediaset è la tv italiana del motociclismo agonistico per la stagione 2013”.

Il tweet di Biaggi

Solo dopo l'ufficialità, Max Biaggi ha confermato il suo nuovo incarico attraverso il suo profilo ufficiale Twitter: “Era opportuno e professionale aspettare l'ufficialità di Mediaset. Voglio partire con il piede giusto. Sarò un anno con Italia 1 per la SBK”.

L'appuntamento per tutti gli appassionati della Superbike con la nuova stagione è per il 23 febbraio, quando a Phillip Island avrà ufficialmente inizio il nuovo mondiale.

Foto: Ansa

Superbike 2013: Max Biaggi sarà commentatore tecnico

L'opinione dei lettori