• pubblicato il 07-09-2014

Superbike 2014, doppio Melandri a Jerez

di Francesco Irace

Dominio Aprilia in Spagna. Guintoli due volte secondo si porta a -31 da Sykes

Si è chiuso con una straordinaria doppietta di Marco Melandri il round di Jerez, terzultimo del mondiale Superbike 2014.

Il pilota ravennate ha condotto due gare magistrali, entrambe in rimonta, andando nel finale a prendere, mordere e lasciare sul posto, il suo compagno di squadra Guintoli, che colleziona due secondi posti portando si a -31 dal capo-classifica Sykes.

Niente ordini di scuderia: vince il più veloce in Casa Aprilia

Nessun ordine di scuderia, dunque, in Casa Aprilia. Melandri ha fatto la sua gara, aveva un passo più veloce e non ha fatto sconti al suo compagno di squadra che invece sulla carta è ancora in lotta per il titolo mondiale.

Quinta vittoria in stagione per il pilota ravennate, che ha deciso di riscattare la prima parte di campionato condotta un po' sotto tono. “Gara 2 è stata più dura. Da metà gara in poi ho cercato di cambiare passo e ci sono riuscito, sono contentissimo.

La moto andava veramente molto bene. Il team ha lavorato benissimo. Non vedo l'ora di tornare a casa per riabbracciare la mia famiglia”, ha detto Melandri a fine gara.

Sykes non brilla

Ci si aspettava qualcosa in più dal campione del mondo in carica, piuttosto in ombra in gara 1 con li suo quinto posto e leggermente più battagliero nella seconda tornata chiudendo sul gradino più basso del podio.

Da segnalare la buona prestazione di Chaz Davies, 3° e 4°.

Giugliano, giornata no

Mentre è stata una domenica da dimenticare per Davide Giugliano: in gara 1 è finito nella ghiaia dopo aver perso l'anteriore e in gara 2 ha dovuto lasciare a causa di un problema tecnico alla moto.

Superbike 2014, Jerez: i risultati

Gara 1

1. M Melandri

2. S Guintoli

3. C Davies

Gara2

1. M Melandri

2. S Guintoli

3. T Sykes

Classifica piloti

1. T. Sykes 352

2. S. Guintoli 321

3. J. Rea 285

4. M. Melandri 267

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Superbike 2014, doppio Melandri a Jerez

L'opinione dei lettori