PanoramautoTV / News

Toyota Mirai: l’anti Tesla

La prima elettrica ad idrogeno della Casa giapponese.

di Junio Gulinelli -

“Sette milioni di ibride”, è questo il traguardo raggiunto dalla Casa giapponese Toyota nel segmento delle vetture eco-sostenibili. Chi credeva, 15 anni fa, in quella strana vettura chiamata Prius che poi sarebbe diventata, negli anni, una delle auto più vendute al mondo? In pochi, forse.

Oggi la firma nipponica riprova a compiere il “miracolo” con una nuova futuristica auto che, chissà, ci metterà un po’ ad essere accettata e capita. Si chiama Mirai e sarà la prima elettrica targata Toyota con pile alimentate ad idrogeno.

I punti forti della Mirai

Sono diversi i “pilastri” su cui la nuova Toyota Mirai proverà a basare il suo successo. Primo tra tutti: il tempo di ricarica. Un’elettrica che si “ricarica” in soli cinque minuti era, infatti, quasi inimmaginabile fino a qualche anno fa ma questo è il tempo che ci si impiega a rifornire di idrogeno i due serbatoi di questa elettrica del futuro.

Secondo, l’autonomia estesa. Il powertrain fuel-cell della Mirai, che le fornisce 155 CV (e le permette di raggiungere i 100 km/h da ferma in meno di 10 secondi), ha, infatti, un’autonomia che tocca le 300 miglia, circa 400 km. Di gran lunga superiore alle attuali elettriche sul mercato.

Il comfort, di guida e interno, è il terzo “punto forte” della Toyota Mirai. Il ridotti ingombri del sistema elettrico che la spinge le danno un ampio volume interno per la comodità dei passeggeri. Anche il portabagagli ha una capacità di carico “accettabile” di 360 litri. La rigidità torsionale del telaio, inoltre secondo Toyota, rende questa elettrica fuel-cell un’auto piacevole da guidare.

L’anteprima europea della nuova Toyota Mirai avverrà già il prossimo anno in Danimarca, Germania e Inghilterra, mercati dove sarà venduta ad un prezzo di 66.000 euro circa, tasse escluse.