PanoramautoTV / Prove

Opel Corsa OPC 2015

Una sportiva di razza che aspira alla pista

La definiscono una “GTI” polivalente ma la Opel Corsa OPC, soprattutto quella con il Performance Pack, è una sportiva di razza che aspira alla pista.

Ha delle buone armi contro la concorrenza, così come dei piccoli nei, ma nel complesso ha tutte le carte in tavola per tenere a bada e far tremare le candidate a reginetta delle piccole arrabbiate.

La nuova generazione della piccola sportiva del Fulmine nasce sotto il segno della GTI polivalente, capace di far divertire con i suoi 207 CV di potenza e allo stesso tempo, accompagnarci quotidianamente negli spostamenti “di servizio” o nelle scappatelle di fine settimana.

Più CV per il 1.6 ECOTEC

La versione 2015 della Opel Corsa OPC monta sempre il 1.6 turbo ECOTEC a iniezione diretta che però è stato riveduto, corretto e migliorato. Fondamentalmente la nuova centralina di gestione, i nuovi iniettori e l’impianto di scarico Remus ne ottimizzano il potenziale, fornendogli 15 CV in più, 207 in totale (quasi quanto la precedente versione speciale Nurburgring che ne aveva 211) e una coppia che, grazie all’Overboost, tocca picchi di280 Nm.

Telaio rivisto

La piccola arrabbiata del Fulmine ha nuove carte da giocare anche sotto il profilo tecnico. Il retrotreno della nuova Opel Corsa OPC dispone infatti di una nuova geometria con barre stabilizzatrici più grandi e ammortizzatori a frequenza selettiva.

Migliorato anche lo sterzo, preciso negli inserimenti di curva e nei cambi di direzione veloci. Il che, insieme ad un assetto ribassato di 10mm, rende la OPC molto dinamica ed efficace nella guida sportiva.