PanoramautoTV / Prove

Peugeot 2008, la nostra prova su strada

Pregi e difetti della piccola SUV francese, realizzata sul pianale della 208

di Valerio Boni -

Con una lunghezza di 4,16 metri, la Peugeot 2008 si inserisce nell’unica porzione di mercato vivace e in controtendenza in questo particolare periodo. Rialzata da terra e con grandi superfici vetrate, è una sport utility perfettamente allineata con le tendenze del segmento, che premiano le due ruote motrici.

Anche Peugeot ha scelto di offrire la sola trazione anteriore sulla 2008, che ha tra l’altro il pregio di contenere i prezzi di listino e i consumi di carburante. Ma se la trazione anteriore non basta, gli allestimenti più ricchi possono essere resi più completi con l’adozione del Grip Control, il dispositivo elettronico in grado di assicurare una maggiore motricità su terreni diversi dall’asfalto.

Agendo su una manopola, si possono ottenere le condizioni ideali per avantare in su strade sterrate, su sabbia o su neve. L’optional, già collaudato sulla 3008, è proposto ad un prezzo di 350 euro, nel quale sono compresi quattro pneumatici 4seasons, adatti alla guida nei mesi estivi, e omologati per l’inverno.

La dotazione della Peugeot 2008 è piuttosto completa, e già dall’allestimento intermedio Active comprende il controllo elettronico di stabilità e il display centrale touchscreen da 7 pollici che gestisce le funzioni di connettività, oltre al navigatore satellitare e alla radio.

La gamma della Peugeot 2008, che entrerà in fase di prelancio a fine maggio, comprende attualmente due motori a benzina e tre turbodiesel, anche con cambio robotizzato, con potenze comprese tra 68 e 120 CV. In seguito saranno introdotte nuove evoluzioni dei motori a tre cilindri. I prezzi partono da 15.100 euro, ed è prevista la possibilità di scegliere la formula Peugeot&Go, che prevede pacchetti di noleggio riservati ai privati a condizioni particolarmente vantaggiose.