PanoramautoTV / Prove

Peugeot 308 SW 2014: primo contatto

La compatta francese guadagna la coda, tanto spazio per i bagagli e anche per i passeggeri. Senza perdere nessuna qualità...

Bastano 800 euro in più a parità di motori e allestimento: con questa cifra la Peugeot 308 SW conferma i pregi della versione a berlina e offre un bagagliaio ancora più ampio e un abitacolo più spazioso.

La base è la stessa della berlina che ha già vinto il premio di Auto dell’Anno 2014, con un passo maggiorato di 11cm e una lunghezza maggiore di 35cm.

Ancora più abitabilità

A guadagnarne è il passeggero posteriore, che nella 308 station wagon ha più spazio per le gambe.

Anche il guidatore si sente coccolato, ovviamente, come nella berlina: merito della strumentazione rialzata e del volante piccolo, che regalano spazio e “sicurezza”, grazie anche a sedili avvolgenti.

Ma è soprattutto nel bagagliaio che si vedono i pregi della soluzione familiare, con un volume di carico superiore a quello della sorella maggiore 508SW.

Motori e prestazioni

Il motore del nostro test, il 1.2 e-THP da 131CV, è tutto nuovo.

Già Euro6 e ricco di coppia, consuma 21,3 km con un litro secondo la casa – più di 15 con una guida “normale” – e regala una economia decisamente sopra la media, anche se penalizzando un po’ la ripresa.

Prezzi e allestimenti

Sono due gli allestimenti della Peugeot 308SW 1.2 e-THP: Active (21.800 euro) e Allure (23.600 euro).

Volete un consiglio? Scegliete il primo, già piuttosto ben dotato dal punto di vista delle dotazioni di serie.

Se invece preferite un classico turbodiesel, puntate sul 2.0 BlueHDI da 150CV: ha una coppia impressionante, e consumi che difficilmente saranno mai inferiori ai 20 km con un litro.