Info Utili

Telepass Europeo per le auto: la guida completa

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo Telepass Europeo per le auto

Autostrade: corsie preferenziali Telepass al casello
Credits: Corsie preferenziali Telepass al casello di Genova Aeroporto, 16 febbraio 2017 a Genova ANSA/LUCA ZENNARO

Il Telepass Europeo per le auto è un nuovo servizio di pagamento del pedaggio autostradale che si aggiunge al Telepass EU per i mezzi pesanti (già in vigore da oltre un anno).

Di seguito troverete una guida completa al Telepass Europeo per le auto: tutto quello che c’è da sapere sul nuovo sistema nato per semplificare i pagamenti al casello sulle autostrade d’Europa.

In quali nazioni si potrà usare il Telepass Europeo per le auto?

Il Telepass Europeo per le auto consentirà a breve di viaggiare liberamente sulle autostrade di quattro Paesi – Francia, Italia, Portogallo e Spagna – grazie all’accordo con il gruppo transalpino APRR/AREA e gli iberici di Pagatelia.

Quali altre funzioni avrà il Telepass Europeo per le auto?

Con il Telepass Europeo per le auto si potranno pagare anche i parcheggi nelle città dei Paesi coperti dal servizio: ai principali Comuni italiani (Firenze, Milano, Napoli, Roma e Torino) si aggiungeranno altri 400 posteggi in città europee come Barcellona, Madrid e Parigi.

Come si attiva il Telepass Europeo per le auto?

I clienti Telepass possono ottenere il nuovo dispositivo richiedendo l’attivazione sul proprio contratto Telepass Family presso i tanti Punto Blu presenti sulla rete autostradale. I nuovi clienti dovranno invece sottoscrivere un contratto Telepass Family e richiedere il dispositivo interoperabile contestualmente all’attivazione del nuovo servizio. Presto sarà possibile attivare il Telepass Europeo per le auto anche attraverso il sito www.telepass.com.

Quanto costa il Telepass Europeo per le auto?

Il Telepass Europeo per le auto è un servizio pay per use con un costo di attivazione di 6 euro e un canone aggiuntivo di 2,40 euro al mese (solo nei mesi in cui viene varcata la frontiera) per ogni Paese attraversato (Portogallo e Spagna sono da considerarsi come unico Paese). L’importo del pedaggio estero sarà fatturato e addebitato sul proprio conto corrente insieme al pedaggio italiano e con le stesse modalità.