Info Utili

Tutor spenti (ma gli Autovelox restano accesi)

I Tutor sono stati spenti ufficialmente ma bisognerà comunque rispettare i limiti di velocità in autostrada visto che gli Autovelox continueranno a funzionare

++ Autostrade: Tutor resta,ma sostituito da nuovo sistema ++
Credits: Un tabellone elettronico con l'avviso del Tutor sull'autostrada A13, in una immagine tratta da Wikipedia. Preavviso di controllo velocità con Tutor. Il Tutor non verrà rimosso dalla rete di Autostrade per l'Italia, ma sarà immediatamente sostituito con un nuovo sistema diverso da quello attuale. Lo comunica Autostrade per l'Italia, dopo la decisione della Corte d'Appello di Roma, che ha stabilito che i Tutor costituirebbero una forma di violazione del brevetto della Craft. ANSA/WIKIPEDIA +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

I Tutor sono stati ufficialmente spenti ma gli automobilisti dovranno comunque rispettare i limiti di velocità in autostrada visto che gli Autovelox continueranno a funzionare regolarmente. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Perché i Tutor sono stati spenti?

I Tutor sono stati spenti in seguito al rigetto dell’istanza di sospensione degli effetti del dispositivo della sentenza del 10 aprile 2018 relativa all’utilizzo del sistema Sicve-Tutor sulla rete autostradale.

In poche parole?

In poche parole Autostrade per l’Italia aveva chiesto di sospendere la sentenza del 10 aprile 2018 (e di continuare quindi a usare i Tutor) in attesa del ricorso in Cassazione ma la Corte d’Appello ha ritenuto illegittima questa sospensione in quanto Autostrade per l’Italia non è obbligata a installare sistemi di rilevazione della velocità.

Cos’è successo il 10 aprile 2018?

Il 10 aprile 2018 la Corte d’Appello di Roma aveva ordinato ad Autostrade per l’Italia di rimuovere e distruggere tutti i Tutor in quanto il sistema costituiva contraffazione del brevetto della Craft (azienda di Greve in Chianti, in provincia di Firenze).

Quindi ora cosa farà Autostrade per l’Italia?

Autostrade per l’Italia ha spento tutti i Tutor ma ha anche annunciato che continuerà – insieme a Polizia Stradale – ad avere cura della sicurezza e dell’incolumità dei cittadini che viaggiano in autostrada.

Polizia Stradale e Autostrade per l’Italia stanno lavorando per l’attivazione in via sperimentale del nuovo sistema SICVe PM, approvato con provvedimento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti N.3338 del 31 maggio 2017 e nel frattempo rileveranno la velocità attraverso sistemi più “tradizionali” come gli Autovelox.