LifeStyle

Citroën presenta l’Unconventional Team 2018

Due conferme e tre new entry per il team di snoboarder, surfer e non solo sponsorizzati dal Double Chevron

di Claudio Mastroianni -

Squadra che vince si cambia eccome. Ma solo in parte.

Dopo la positiva esperienza del team presentato nel 2016, Citroën ha rilanciato il suo supporto agli action sport su neve e acqua con il nuovo Citroën Unconventional Team 2018.

Lo ha fatto in una cornice molto “invernale” – quella dello Snowpark di Obereggen, in Alto Adige, brandizzato per l’occasione – con un cambio di passo rispetto all’Idroscalo milanese della prima edizione.

È un messaggio chiaro, di maturazione rispetto all’approccio “a largo spettro” del 2016: si punta tutto sugli sport (da scivolamento), fra tavole da snowboard e tavole da surf/kitesurf.

Sempre in linea con la filosofia “feel good” del marchio.

Quattro uomini e una donna, uniti dalla passione per la natura e da uno stile di vita adrenalinico e giramondo. Che gli invidiamo molto.

Travel

Obereggen: Citroën e l'Unconventional Team scelgono l'Alto Adige per gli sport invernali

Snowboard, sci e non solo: con il Double Chevron lo Snowpark altoatesino si apre agli sport da scivolamento

Citroën Unconventional Team 2018

Arianna Cau

Arianna-Cau

Con tutta l’energia dei suoi 23 anni, Arianna Cau ha due frecce importanti al suo arco: gioca in casa (è di Rovereto, in Trentino), ed è la “quota rosa del gruppo”.

Ma affronta entrambi gli aspetti senza calcare la mano, e soprattutto senza timore reverenziale nei confronti di sport che spesso finiscono per dare più visibilità al sesso maschile che a quello femminile.

Lei, nel dubbio, ne porta avanti due: il wakeboard (una sorta di snowboard sull’acqua) e lo snowboard. E con grandi risultati: lo scorso anno ha infatti conquistato il titolo di campionessa italiana FSI di snowboard slopestyle.

Tony Cili

Tony-Cili

Dal “profondo Sud” al “profondo Nord”: a Obereggen – e in generale nell’Unconventional Team – Tony Cili rappresenta la “quota meridionale” del gruppo.

Calabresissimo (all’anagrafe è Antonio Ciliberto), classe 1988, Tony è una delle due conferme del CUT 2016: campione italiano di kite surf strapless (per la terza volta consecutiva nel 2017), si muove fra le coste del sud Italia per allenarsi nelle numerose discipline acquatiche su tavola che porta avanti da circa 15 anni.

Foto

Citroen C3 Aircross

La nuova crossover del marchio francese

Matteo Iachino

Matteo-Iachino

Matteo Iachino è la seconda conferma del Citroën Unconventional Team del 2016, anche lui da tre anni ai vertici della Coppa del Mondo PWA Slalom (con un secondo posto nel 2017, un primo posto nel 2016 e un terzo posto l’anno precedente).

La sua disciplina è il windsurf, che pratica a Tenerife dove vive per buona parte dell’anno (escluse le periodiche visite alla sua nativa Liguria).

Vladislav Khadarin

Vlad-Khadarin

Non è nato in Italia, è nato in Siberia. Ma Vladikir Khadarin il Bel Paese lo ha scelto e ci vive da 8 anni. In Trentino, a Madonna di Campiglio, dove si allena con il suo snowboard.

Si è allenato così tanto che si è qualificato per le Olimpiadi invernali che si terranno in Corea dal prossimo 9 febbraio. Gli faccio un in bocca al lupo, nella speranza che la prossima volta… gareggi per il tricolore.

Angelo Bonomelli

Angelo-Bonomelli

Anche Angelo Bonomelli punta alle olimpiadi, ma si tratta in questo caso di quelle del 2020. Anno nel quale il suo surf dovrebbe diventare disciplina olimpica.

Nel frattempo, il toscano Bonomelli si deve accontentare del titolo 2017 nel Campionato Italiano di Surf, e di allenarsi con la nazionale italiana.