Moto Anteprime

Suzuki Katana, l’icona del marchio torna nel 2019

Base tecnica della GSX-R K5 e un look suggestivo che richiama il modello iconico del 1981

Un mito che ritorna, in Casa Suzuki. La Katana, modello che debutto nel 1981, viene riproposta con una veste moderna per il 2019 con un look moderno e stiloso che richiama fortemente il vecchio e glorioso progetto, e con soluzioni tecniche mirate a garantire grandi performance su strada.

Look moderno e motore da 150 CV

Tutto è nato a Eicma 2017, durante il quale fu esposta la Katana 3.0 Concept, realizzata da Engines Engineering su disegno dell’italiano Rodolfo Frascoli. L’entusiasmo con cui è stata accolta ha così spinto Suzuki alla realizzazione della nuova Katana 2019, una moto dal carattere sportivo ispirata un po’ alle café racer di ultima generazione, con un cupolino con faro a LED, accenti rossi, sella bicolore, un codino snello e alto e il portatarga posizionato sulla ruota posteriore. La posizione di guida è leggermente eretta, con la sella posizionata a 825 mm da terra. C’è una strumentazione multifunzione con pannello LCD, mentre la base meccanica è quella della GSX-R1000 K5 del 2005. Dunque, parliamo di un quattro cilindri capace di erogare una potenza di 150 CV, con (in questo caso) tanta coppia anche ai bassi e ai medi regimi. Gli ingegneri di Hamamatsu si sono infatti impegnati per trovare una messa a punto ideale per l’uso in strada, adottando anche un impianto di scarico 4-in-2 in-1.

 

KATANA_M0_Action_33

Ciclistica ed elettronica

Quanto alla ciclistica, le dimensioni contenute del motore hanno permesso di realizzare un telaio in alluminio a doppio trave rigido e molto compatto, che collega in modo diretto il cannotto di sterzo al forcellone (ereditato dalla GSX-R1000 del 2016). Davanti troviamo una forcella KYB a steli rovesciati da 43 mm completamente regolabile, mentre dietro il mono offre la regolazione del precarico molla e del freno idraulico in estensione. Infine, l’impianto frenante Brembo con attacco radiale è associato all’ABS di Bosch, mentre l’elettronica aggiunge controllo della trazione regolabile su tre livelli, Suzuki Easy Start System e il Low RPM Assist.