Anteprime

Aston Martin Rapide AMR: la versione definitiva debutta a Le Mans

La 4 porte di Gaydon da 330 km/h

di Junio Gulinelli -

In occasione del Salone di Ginevra 2018, la Casa britannica aveva svelato i prototipi Vantage AMR Pro e Rapide Pro, due concept car con cui anticipava lancio della divisione sportiva AMR (Aston Martin Racing). Ora, a qualche mese di distanza, la firma d’Oltremanica introduce la versione definitiva della Aston Martin Rapide AMR.

Debutta a Le Mans

Il debutto in società avverrà proprio questo fine settimana in occasione di uno degli eventi automotive pi importanti dell’anno, la 24 Ore di Le Mans.

In questo modo, dopo la pioniera Aston Martin DB11 AMR, la nuova Aston Martin Rapide AMR diventa la seconda auto di serie del marchio di Gaydon ad essere elaborata dal nuovo dipartimento sportivo.

Segni di riconoscimento

Esteticamente sfoggia un kit aerodinamico con praticamente le stesse appendice viste sul prototip. La carrozzeria è più vicina al suolo di 10mm rispetto alla Rapide S e, di serie, è equipaggiata con dischi freno in carboceramica da 400 mm di diametro all’anteriore.

L’abitacolo si distingue invece per le finiture in fibra di carbonio e le tappezzerie in Alcantara. Non mancano, naturalmente, i numerosi loghi AMR e la corrispondente placca identificativa. Senza contare che Aston Martin lascerà ai clienti la possibilità di rivolgersi al dipartimento di personalizzazioni per ulteriori dettagli su misura.

603 CV e 330 km/h

A muovere la quattro porte sportiva inglese ci pensa il V12 da 6.0 litri aspirato che, per l’occasione, eredita alcuni elementi della Vantage GT12 che ne elevano la potenza a 603 CV e 630 Nm.

Questa unità può essere abbinata unicamente alla trasmissione automatica che le permette di sprintare da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi e di raggiungere i 330 km/h di velocità massima.

Della Aston Martin Rapide AMR ne saranno prodotte solo 210 unità, con prezzi di riferimento, per il mercato tedesco, a partire da 229.950 euro.

Anteprime

Aston Martin DB11 AMR

La variante ancora più radicale della GT inglese, firmata Aston Martin Racing