Anteprime

Bugatti: il W16 della Chiron sarà l’ultimo della sua classe

Molto probabilmente anche la firma francese opterà per l'elettrificazione

In una recente intervista co la stampa australiana, Stephan Winkelmann, nuovo CEO di Bugatti, ha confermato che il motore 16 cilindri della firma francese ha i giorni contati. O meglio gli anni. Una volta che arriverà l’erede della gamma attuale, infatti, il mastodontico 8.0 litri andrà in pensione.

“Non ci sarò un nuovo 16 cilindri, questo sarà l’ultimo della sua classe. È un motore incredibile, sappiamo che entusiasma e tutti vorrebbero vederlo ancora sulle nostre auto…. ma se vuoi rimanere all’avanguardia con le tecnologie più avanzate, è molto importante riconoscere il momento giusto per cambiare”.

Queste dichiarazioni di Winkelmann sono state rilasciate durante la Monterey Car Week dove il Ceo di Bugatti h presentato la Divo, nuova variante alleggerita e orientata alla pista della nuova Chiron, con cui condivide proprio il 16 cilindri da 1.500 CV di potenza.

Questo motore è uno dei pilastri identificativi della gamma Bugatti e il motivo della sua eliminazione sarebbe dovuto a questioni relative alle emissioni. Il che porterà molto probabilmente la firma transalpina ad optare per l’elettrificazione, contando su un appoggio elettrico da affiancare a un motore di dimensioni più “umane”.

Quando arriverà questo futuro? Per il momento non ci sono indizi su quale strada prenderà Bugatti e alla nuova Chiron, così come alle nuove versioni derivate che vedremo prossimamente, restano ancora diversi anni di vita.

Foto

Bugatti Chiron

La supercar più potente, veloce e costosa al mondo