Anteprime

Cupra: con la Ateca arriva il nuovo marchio di SEAT

Piccola rivoluzione spagnola: Cupra diventa un marchio a sé stante, puntando su escluvità e grandi prestazioni di alto livello

di Claudio Mastroianni -
CUPRA Ateca 015L

Di base c’è molto da dire, e tanto da definire.

SEAT ha lanciato un nuovo marchio, trasformando il badge “” in un brand a sé stante: questa è la notizia, in breve. Troppo in breve, forse, perché la parte più importante è che SEAT è in un momento della sua vita in cui può permettersi di rischiare, e di farlo con coraggio. Partendo lancia in resta, senza lunghi giri di parole, senza esperimenti a lunga gittata e dichiarazioni a mezza bocca.

Cupra è un nuovo marchio. Punto. Tutti – Luca De Meo per primo – ne parlano in questi termini, lo sottolineano con fermezza e ci tengono che il messaggio sia chiaro.

Un nuovo logo – sicuramente aggressivo e d’impatto, scopriremo col tempo se piacerà anche al pubblico – e un target ben definito (giovane, indipendente attento allo status e al lifestyle ma soprattutto appassionato di auto) e obiettivi ambiziosi: raddoppiare le vendite di Cupra, conquistare nuovi segmenti e soprattutto attrarre un pubblico nuovo, che guarda con vaga diffidenza a SEAT ma è alla ricerca di qualcosa di nuovo.

Un pubblico che non cerca una vettura di brand premium ma non vuole rinunciare alle prestazioni e al piacere di guida estremo.

Ambizione e coraggio. Appunto.

Cupra Ateca

Cupra: il dna e i valori del marchio

Unicità, sofisticatezza e performance: sono queste le parole chiave che guideranno il percorso del brand Cupra.

Unicità perché – ci dicono quelli di Cupra – non esistono al momento modelli che condividono lo stesso segmento di mercato, lo stesso spirito di quanto il brand vuole offrire agli appassionati di auto. Come ha raccontato De Meo in conferenza stampa:

“L’intero progetto nasce come il sogno di un gruppo di persone che volevano conquistare un nuovo gruppo di clienti. C’è uno spazio fra il mass market e le vetture molto prestazionali che ancora pochi marchi hanno iniziato a presendere in considerazione”

Intendiamoci: le auto di Cupra saranno basati tutti su modelli corrispettivi del marchio Seat, ma saranno personalizzati nei motori, negli interni, nei contenuti tecnologici. Modelli gemelli, insomma, ma con specifiche personalità (basta guardare la Ateca, qui sotto). I due marchi si muoveranno in parallelo: in alcuni casi sarà Seat a partire per prima con un nuovo modello, in altri Cupra sarà l’alfiere.

Sofisticatezza nella scelta materiali, nella realizzazione delle finiture, nell’attenzione al dettaglio. Un valore che si rifletterà anche nella scelta delle collaborazioni che porteranno il marchio nel mondo del lifestyle, con una serie di accessori che inseriranno Cupra nel contesto delle passioni maschili – l’abbigliamento, la tecnologia. Tutto realizzato secondo criteri di artigianalità e esclusività. Ma sofisticatezza anche nel modo in cui il marchio si presenterà ai clienti, con corner specifici all’interno delle concessionarie Seat (saranno 256 in Europa, per ora, pari al 20% del network di vendita Seat) e i Cupra Master, specialisti che seguiranno il cliente in tutto il percorso di uso dell’auto (vendita, personalizzazione, assistenza).

Performance, infine, perché da Cupra non ci si può aspettare di meno: gli attuali allestimenti Cupra sono pensati per una clientela molto attenta al piacere di guida, al sound, al feeling al volante; i futuri modelli Cupra spingeranno ancora di più il piede sull’acceleratore, da questo punto di vista, anche grazie all’accesso al ricchissimo portafoglio motori del Gruppo Volkswagen.

Cupra Ateca: 300CV e trazione integrale permanente

Potremmo definirlo un modello manifesto.

Sarà la Cupra Ateca la prima auto offerta dal nuovo marchio. Ed è una scelta di campo ben precisa, che si allontana dalle aspettative che il pubblico potrebbe avere verso un’iniziativa di questo tipo (immaginando una Cupra Ibiza o una Leon come primo modello, ad esempio).

“Un modello esclusivo per un segmento finora riservato soltanto ai marchi premium”, dicono in Cupra, e in un mondo di Porsche Cayenne e Audi RSQ5 non ce la sentiamo di dargli torto.

Un SUV prestazionale, potente, dallo spirito sportivo. Ma indirizzato (diciamo) al mass-market.

Sotto al cofano, la Cupra Ateca monterà un propulsore 2.0 TSI da 300Cv, proposto in abbinamento al cambio DSG a 7 rapporti e trazione integrale permanente 4Drive. Il tutto permetterà alla ateca di raggiungere una velocità massima di 245 Km/h e uno 0-100 in 5,4 secondi.

Cupra Ateca in breve

Motore

TipologiaBenzina 2.0 TSI
Potenza300CV (221Kw)
Velocità massima245 Km/h
Accelerazione 0-1005,4 secondi

Esternamente, la Cupra Ateca si distingue dalla sorella Seat per una serie di dettagli che rendono – se possibile – la Ateca ancora più maschile e aggressiva.

Il nuovo logo e la scritta CUPRA prendono il posto d’onore sia all’anteriore che al posteriore, sottolineando che Cupra come marchio darà al branding (la scritta “Cupra” e il logo compariranno anche all’attivazione della luce di benvenuto).

Per il resto è il nero lucido a farla da padrone, comparendo nella griglia a nido d’ape, nelle modanture laterali, negli specchietti esterni, nello spoiler del lunotto e non solo. Una scelta di stile che si accompagna al color rame scelto per il logo sia all’anteriore che al posteriore.

I quattro terminali di scarico e i cerchi in lega da 19” con pinze freno di colore nero completano il pacchetto, donando alla Cupra Ateca un bel mix di aggressività ed eleganza.

Cupra TCR: il motorsport in pole position

A sottolineare le velleità sportive e prestazionali del nuovo marchio spagnolo arriverà anche la Cupra TCR, vettura da competizione che gareggerà ufficialmente già nella stagione TCR 2018.

Nata dalla base della (apprezzatissima) Seat Leon, la Cupra TCR avrà una livrea tutta basata sul rame: date un’occhiata al rivestimento degli specchietti retrovisori o all’alettone posteriore nelle foto qui sopra.

La TCR di Cupra ci accompagnerà in una piccola rivoluzione, coerente con il nuovo assetto del brand spagnolo: addio Seat Motorsport, benvenuto Cupra Motorsport. Prepariamoci a una bella accelerata.

Ti potrebbe interessare anche

Seat Ateca: arriverà anche la Cupra?

CUPRA testa la e-Racer in Croazia

Dovizioso e Lorenzo al volante della Cupra TCR

Dovizioso e Lorenzo al volante della Cupra TCR

CUPRA sponsor Ducati in MotoGP 2018

Cupra: la prima bici urbana del marchio spagnolo

SEAT: presente radioso, futuro elettrico

Cupra a Ginevra: il marchio autonomo debutta con la Ateca sportiva

Cupra Ateca

Seat: un marchio Cupra indipendente?

Seat Leon Cupra 290: la GTI spagnola più potente di sempre

Seat Ibiza Cupra 2016

Nuova Ibiza Cupra: monterà il 1.8 TSI della Polo GTI

Seat Leon Cupra

Seat Leon: la Cupra e la Cupra R rispettivamente con 245 e 285 CV