Anteprime

Ford Focus: concentrato di tecnologia

La compatta dell’Ovale Blu è un concentrato di tecnologia, con chicche inedite per il segmento

di Francesco Neri -

I tempi cambiano, i clienti cambiano, e le auto mutano di conseguenza. La Ford Focus 2018 è l’ultimo tassello evolutivo della compatta Ford: nuova non solo esteriormente (ora sembra una Fiesta XL) e interiormente (il passo più lungo garantisce più spazio per i passeggeri), ma nuova anche nel sistema nervoso.
Un’auto connessa, attenta, vigile.

RETE DI SALVATAGGIO

La nuova Ford Focus vanta i migliori sistemi di assistenza alla guida disponibili sul mercato, sistemi che si trovano su auto premium o in vetture di segmento decisamente superiore.
La lista è decisamente lunga. Comprende il cruise control adattivo con sistema di lettura dei cartelli stradali e con lo Stop&Go, che rallenta l’auto fino a fermarla, per poi farla ripartire in completa autonomia (a patto che la sosta non duri più di tre secondi); il sistema Lane Centering, che “centra” l’auto perfettamente all’interno della carreggiata (e che gira lo sterzo fino a 10 gradi): più evoluto rispetto a quello del mantenimento della corsia che tende a far “rimbalzare” l’auto dentro le linee.
Non manca all’appello nemmeno il sistema di frenata automatica d’emergenza che riconosce sia i pedoni, sia i ciclisti, anche di notte.

Tutto questo l’abbiamo sperimentato dal vivo sul Circuito di Modena, e siamo rimasti impressionati dalla precisione dei sistemi elettronici della Ford Focus e dalla loro efficacia. Qualcosa che sicuramente non ci si aspetta da una compatta del segmento C generalista.

Abbiamo provato anche il sistema di parcheggio automatico, in grado di infilare l’auto negli spazi vuoti sia “ad esse” che dritti (o lisca di pesce). Basta tenere premuto un pulsante e l’auto comincia a girare il volante, frenare e accelerare in completa autonomia.

SMART CAR

Un’auto dal design “umano-centrico”, così definiscono la nuova Focus in Ford. La prima della sua stirpe realmente connessa, un’auto che dialoga con il proprio proprietario, con la Casa, con le altre auto. Questo è reso possibile grazie al Ford Pass Connect, un modem interno alla vettura con rete Wi-Fi che può ospitare fino a 10 dispositivi. L’abbonamento dati si può anche pagare per un mese, nel caso vogliate andare in vacanza con la famiglia, oppure anche per un anno al costo di 120 euro, con una rete dati che va fino a 1000 GB.
Questo permette aggiornamenti live all’auto, aggiornamenti del traffico sul navigatore e una lunga serie di funzioni attivabili con il proprio smartphone tramite l’app Ford Pass Connect. L’app permette di aprire e chiudere l’auto da remoto, di accenderla (e con essa il riscaldamento e il raffreddamento), di geolocalizzarla e di fare un check-up sul suo stato di salute (si possono vedere anche la pressione delle gomme, la quantità di carburante, di olio, e molto altro).

ALLESTIMENTI

Alla nuova Ford Focus, oltre alle versioni Focus ST line (che vanta un assetto e un look più sportivo), e Focus Vignale  (pensata per i clienti più esigenti e che vogliono un’auto molto equipaggiata e più “premium”), si aggiunge anche la Focus Active, una versione che strizza l’occhio al mondo delle SUV e che sfoggia un look sì più sportivo, ma anche più robusto.

Ti potrebbe interessare anche

Ford Focus 2018, le 4 varianti

Ford Focus 2018: le fotografie e le info ufficiali

Ford introduce il Wrong Way Alert sulla nuova Focus

Crash test Euro NCAP luglio 2018: 5 stelle per Volvo XC40 e Ford Focus

Ford Focus: ricomincio da quattro

Dieci compatte per neopatentati

Ford Focus a Company Car Drive 2018

Ford Focus: la quarta generazione debutta il 10 aprile