Eco

Audi e-tron: il prototipo quasi definitivo

La Casa di Ingolstadt annuncia tre elettriche entro il 2020

Sono ormai anni che Audi sta evolvendo la sua tecnologia e-tron per veicoli elettrificati. E la prima elettrica al 100% dei Quattro Anelli, la e-tron in formato SUV, è ormai vicina.

Di fatto, in concomitanza con il Salone di Ginevra 2018, la Casa di Ingolstadt ha presentato l’ultimo prototipo, praticamente corrispondente alla versione definitiva, ma con la livrea camuffata.

L’Audi e-tron sarà un veicolo dalle dimensioni considerevoli, posizionato per misure tra la Q5 e la Q7, con un design non drasticamente differenziato dal resto della gamma. Spiccano la griglia carenata (visto che non c’è il motore da raffreddare), l’assenza dei terminali di scarico al posteriore e gli specchietti retrovisori sostituiti da telecamere.

Lo sviluppo della nuova Audi e-tron si trova ormai in fase avanzata e Audi ha confermato che arriverà in commercio prima della fine del 2018, anche se fino a questo momento le 250 unità di pre-produzione seguiranno con i test di sviluppo e sottoporranno il modello a condizioni estreme per un totale di 85.000 ore di test su strada.

Rispetto alle specifiche tecniche della Audi e-tron, la Casa tedesca non ha rilasciato molte informazioni, dichiarando soltanto che disporrà di una grande autonomia che “permetterà di affrontare lunghi viaggi, con ampie possibilità di ricarica”. Tra queste ultime risalta la modalità con presa da 150 kW che ricarica la batteria in 30 minuti.

Tre elettriche entri il 2020

Audi ha anche dichiarato che entro il 2020 avrà in gamma tre veicoli elettrici, con una Gran Turismo a quattro porte (la versione di produzione dell’Audi e-tron Sportback concept) e un modello del segmento delle compatte. Entro il 2025, inoltre, la Casa di Ingolstadt lancerà sul mercato 20 nuovi modelli elettrici e ibridi che ricopriranno praticamente tutti i segmenti.

Ginevra 2018: le foto dagli stand

Audi A6 al Salone di Ginevra 2018

La nuova A6 è la regina dello stand Audi al Salone di Ginevra 2018: più grande e più spaziosa di prima (ma soprattutto più tecnologica)